Eventi e Comunicazioni

agevolazioni_bonus_pubblicità_2024.jpg

"Con il Notiziario delle Eolie Bonus pubblicità con credito d'imposta al 75%" 

Dettagli...

Primo posto Estemporanea di Poesia__ - Andrea Picciolo (2).jpg

Stromboli proclamata «Isola dei Poeti»

Nella splendida cornice dell'anfiteatro Eos, con vista sulle acque del Tirreno e sull'isolotto Strombolicchio, si è svolta la cerimonia di premiazione della prima edizione del concorso di poesia "Stromboli - L'Isola dei Poeti". La manifestazione è nata da un'idea del maestro Giuseppe Aletti, poeta, editore ed organizzatore di eventi, tra cui il noto festival poetico "Il Federiciano" che da quest'anno si svolgerà per la prima volta in Sicilia, ad agosto, nella città federiciana di Augusta.
Folgorato dalla bellezza dell'isola, dal suo potere magnetico che spinge all'ascesi e all'indagine interiore, Aletti ha voluto omaggiarla con questa iniziativa.

Spinto dalla convinzione che ognuno può fare esperienza della bellezza, che è il riflesso dell'assoluto. «Saggiamo l'esperienza dell'assoluto ogni qualvolta sperimentiamo lo stupore della meraviglia - ha affermato Aletti nel suo discorso di apertura -. Dalla poesia ci si aspetta qualcosa che sorprenda. Quale miglior posto di Stromboli, come luogo della meraviglia? Qui ogni cosa porta con sé l'inaspettato e lo stupore. Stromboli è il luogo più adatto per mettersi in contatto con la parte più intima e vera di sé stessi, quella che dobbiamo sondare per poterla portare all'interno della pagina».

Più di duemila sono stati i partecipanti al concorso, da tutta Italia e anche dall'estero. I vincitori sono stati ufficializzati solo in chiusura del reading poetico dell'1 luglio, a cui ha presenziato una rappresentanza di ogni regione d'Italia, declamando la propria poesia al pubblico presente e lasciandosi guidare dall'emozione, a volte dalla commozione. Al termine dell'incontro della prima giornata, il direttore editoriale della Aletti, Valentina Meola, ha comunicato i nomi dei primi dieci classificati, che non sono stati avvisati in anticipo, come da tradizione: Claudio Creazzo - primo classificato, Francesca

Matacena - secondo classificato, Giuseppe Lauricella - terzo classificato, Angela Perucca - quarto classificato, Alberico Solimes - quinto classificato, Francesco Rurale - sesto classificato, Valeria Lo Nardo - settimo classificato, Antonio Tremori - ottavo classificato, Maria Teresa Usai - nono classificato, Alfredo Deodati - decimo classificato. Nessuno dei vincitori era presente. «Per noi organizzatori è il momento meno importante - ha commentato Aletti -. I nomi dei vincitori sono un semplice fatto di cronaca. La cosa fondamentale è che i presenti abbiano avuto la possibilità di mettersi in viaggio, che è indispensabile per la conoscenza, e per la scrittura in versi».

Tra i momenti di rilievo, c'è stata la consegna del Premio alla Carriera allo Scultore della lava, lo stromboliano Salvatore Russo, che pratica la poesia scolpendo volti e che ha accolto i poeti, l'indomani, per una visita guidata nella sua casa museo laboratorio. L'artista ha raccontato in dettaglio la nascita della sua passione per la scultura, la solida amicizia, ricca di aneddoti vibranti e commoventi, con lo scomparso pittore Mario Cusolito, figura simbolo dell'isola.

Il secondo giorno della manifestazione è stato dedicato inoltre alla gara poetica "Estemporanea di Poesia", presentata da Valentina Meola, in cui i poeti hanno gareggiato con un proprio componimento ispirato ad una delle tre tracce tematiche proposte dagli organizzatori. La Giuria - composta dal maestro Giuseppe Aletti, lo scultore Salvatore Russo e la giornalista Caterina Aletti - ha valutato le poesie assegnando ad ognuna un voto, decretando i primi cinque classificati. Vincitore assoluto è stato il giovanissimo Andrea Picciolo. Secondo posto: Annamaria Daina. Terzo posto: Clara D'Amora. Quarto posto: Marta Colonnello. Quinto posto: Giovita Piccillo.

La prima edizione del festival è stata una due giorni di immersione nella poesia, nell'isola dove il tempo sembra essersi fermato davvero. Stromboli, che è rimasta immutata e non toccata dal processo di urbanizzazione, sembra rivolgersi ai poeti, a coloro che sanno cogliere l'essenziale dalla vita di tutti i giorni.
Perché, come ha affermato Aletti, prima di dare appuntamento al prossimo anno: «Stromboli si ama o si odia. Perché ti obbliga a fare i conti con te stesso».

72296749-7061-4ffc-9d11-f39cb8bc94e1.jpg

 

pon.png

banner_notiziario_cst.jpg