Eventi e Comunicazioni

agevolazioni_bonus_pubblicità_2024.jpg

"Con il Notiziario delle Eolie Bonus pubblicità con credito d'imposta al 75%" 

Dettagli...

4db1d690-5bfe-4625-ab72-7c925dcf2d9f.jpeg

La tranquilla Filicudi sconvolta nella notte da un incendio doloso ad una barca di 10 metri del titolare di un noleggio nautico.
L’imbarcazione “Aurora” in legno, di Stefano Cappadona è stata letteralmente disintegrata dal fuoco. Come il motore di 150 cavalli. Era posizionata su un camion rimasto danneggiato, come anche la gru ed il carrello.

E’ accaduto nella strada in prossimità del borgo marinaro di Pecorini. Momenti di paura per le fiamme alte che si sono alzate e che con le limitrofe sterpaglie potevano anche scatenare ulteriori danni.

L’isola priva di v igili del fuoco e scattato l'allarme si sono adoperati gli isolani intervenuti, ma si è potuto fare ben poco per salvare il salvabile. I danni sono ingenti. Si parla di oltre 60 mila euro. Informati i carabinieri che hanno avviato le indagini. Il titolare presenterà anche una denuncia ai militari dell’arma.

LE REAZIONI NEL WEB

Annuzza Cappadona Vergogna in una meravigliosa isola succedono queste cose..!

Anna Scalfati (Giornalista Rai) Una volta c'era una bella comunità e si facevano le feste con le famiglie e ci si voleva bene. Tranne pochi che sono sempre stati velenosi. Negli ultimi 15 anni c'è stata una corsa sfrenata ai soldi senza costruire una economia sana. Ci si è letteralmente inginocchiati davanti ai soldi. Quando io sono arrivata c'era la dignità, la parola e l'amicizia. Per questo mi sono innamorata di Filicudi. Il Paradiso perduto.

Annuzza Cappadona Una volta le cose le risolvevano nel sagrato della chiesa. Adesso hai ragione tutti in corsa al denaro. Se c'è qualche screzio fanno azioni delinquenziali. Ed è facile un pò di benzina, un accendino e salta tutto in aria e questo danneggia l'immagine di questa isola stupenda. Si dice che chi di spada ferisce di spada perisce. Un giorno si può rivolgere contro...

Immacolata Lopes Brutta gentaglia, è cattiveria ci dobbiamo anche spaventare di stare a casa di notte

Pina Costa Che vergogna. Gente invidiosa

Annalisa Bonica Che schifo

Massimo Lopes Ancora esistono queste cose

Tonino Cappadona Sono delinquenti

Silvana Bonica Maledetta gentaglia

Floriana Incredibile mi dispiace

Maria Beatrice Bonica Fa rabbrividire e riflettere... Filicudi è un'isola che conta meno di 200 abitanti, dove si potrebbero fare lavori di collaborazione per il miglioramento dell'economia e gestione dell'isola. Purtroppo però l'umanità pecca di puro egoismo con la gara di schiacciare il prossimo, ci si concentra a giudicare,ostinare e intaccare il cittadino della porta accanto. Filicudi è una realtà fuori dalla normalità dove tutti vedono nascere, crescere e sviluppare le varie generazioni. Abbiamo la possibilità di viverci in modo profondo, cosa che nelle grandi città non è possibile.

Abbiamo privilegi che non si possono immaginare ma come veri ignoranti siamo concentrati a cogliere solo egoismo, invidia e avarità. L'isola ha come cuore IGNORANZA senza la curiosità di crescere e migliorare. Se ognuno di noi lavorasse per il miglioramento si se stesso e riconoscendo i propri errori potrebbe avere gli strumenti per interrompere il ciclo... Un ciclo generato di pura IGNORANZA.... Ignoranza di queste persone che oltre a sottovalutare i sacrifici del proprietario del mezzo hanno ben pensato di mettere a rischio se stessi, figli,sorelle fratelli, genitori, bambini e anziani se le fiamme non si fossero limitate solo a bruciare il mezzo preso di mira .... consiglio vivamente di metterci a fare esame di coscienza, riconoscere i nostri errori e migliorarci... 

Altrimenti L'isola non avrà altro che un deterioramento non indifferente... Da giovane mi auguro che le mie generazioni e quelle avvenire guardiamo il passato, presente e futuro lavorando su noi stessi per interrompere in modo netto e definitivo questo malato ciclo che persiste ormai sull'isola...

Enrico Cappadona Purtroppo la natura fa questo mette a disposizione dei vandali senza testa e senza cuda. Questa gente vedrà tutto buio intorno...

Angela Foti Che tristezza

Maria Grazia Virgona Quello che è accaduto dovrebbe far riflettere chi lo ha fatto. Il male non porta a niente, la vergogna non la conoscono, nelle loro menti solo stupidità. Tornare indietro nel tempo non deve accadere che si scopra chi è stato. In fondo sono pochi...

Maria Grazia Bonica Dici bene Anna. C'è stata e c'è una corsa sfrenata ai soldi. Una corsa talmente veloce da travolgere tutto. Rispetto, dignità, fratellanza, solidarietà, amore per il territorio. Quando ho letto la notizia, non volevo crederci. Ho sentito come un pugno nello stomaco. Ormai sono anni che di tanto in tanto si sente che qualche scellerato ha compiuto un atto vandalico. I gatti appesi, il locale dei motorini bruciato a Pecorini, la barca fatta sparire alla povera Paola, le macine trafugate, la manomissione dell' acquedotto, gli incendi estivi ad orologeria.. Tanti fatti che hanno cambiato il.volto dell'isola. Ma quel che stupisce sono gli uomini che non osano parlare perché temono ritorsioni sul lavoro, alle proprie attività. Gli uomini " per bene" che dovrebbero ribellarsi e invece " hanno paura" e " tacciono" restando a guardare questo invivibile stato di cose. Quella di oggi è solo la punta dell' iceberg e mi fa piacere che si trovi il coraggio di scrivere e stigmatizzare quanto accaduto. E mi fa piacere,ancor di più, che siano le Donne a farlo. Bene, Maria Beatrice che prendi la penna per esprimere il tuo sdegno.
Bene Annuzza e Silvana. Si fa così. Nessun uomo che scriva, che parli, che si indigni sul serio.
Un "omertà spaventosa." Chi dovrà difendere quest'isola da questi atti infami? Chi dovrà ribellarsi allo.stato di soggezione che esiste e di cui tutti parlano, ma in sordina?? Prendere coscienza è il primo passo. Una piccola comunità come la nostra non può e non deve tollerare simili atti criminali. Non ci appartiene e chiediamo la loro ferma condanna. Confidiamo nell'attività investigativa dei militari presenti sull'isola. E da oggi, occhi aperti su tutto. Altrimenti è finita la Filicudi che Amiamo. Continueranno a farne "scempio" per accumulare quel vile denaro che li sta accecando...

Antoegiusy Monachino Un'isola così bella come tutte le isole perchè fare questi danni? Non capisco veramente. Cose da pazzi e poi da isolani non capiscono. Le isole più belle al mondo secondo noi

Antonella Starvaggi Mi dispiace moltissimo

Carlo Luigi Mi dispiace moltissimo spero che tutti collaborano per trovare i colpevoli

Lucia Elia Filicudi e’ meravigliosa per la sua natura, per il resto è vergogna, anche noi che abbiamo le case abbiamo subito ogni sorta di angherie, imbrogli, abusi. Abbiamo dovuto difenderci spendendo soldi dagli avvocati e non godere a pieno le nostre costosissime vacanze. Siamo a Filicudi da 40 anni e non è cambiato niente.!!! Forse è ora di andarcene via.

ebastiano Felis Stupidità o pazzia.Non si possono spiegare questi ignobili gesti che possono causare danni ingenti.

Josie Pinzone Mi dispiace molto… brutta notizia

Angelica Bonica Che cosa brutta... Mi piange il cuore, in generale, soprattutto per la nostra isola... Ma che persone siamo diventate... Adesso anche gli atti vandalici...ma mettevi una mano sul cuore e una sulla coscienza, che prima o poi tutti li andremo a finire! Vergogna

Francesco Delfino, Stefano hai tutta la mia solidarietà,la barca si ricompra non preoccuparti.
Un abbraccio

Rosolino Vallone Sono dei deliquenti

96dfc3da-2c7c-4a93-a314-0767b3627d38.jpeg

RASSEGNA STAMPA GDS.IT

Filicudi, incendio doloso in piena notte: distrutta una barca con motore di 150 cavalli

Cambia il modo di fare turismo alle Isole Eolie: arriva il Piano per lo sviluppo sostenibile

Lipari celebra l'antifascismo ricordando i confinati sull’isola: un percorso per fare memoria

Lipari, inizia la stagione dei mega yacht: arriva Marala, ospitò Re Juan Carlos, Dalì e Sinatra

Il soprano australiano Rebecca Gulinello ambasciatrice delle Eolie: ha i nonni a Lipari

Lipari, le vite e le esperienze dei confinati politici antifascisti in un'app

eolieintouch.jpg