enniofiocco.jpg

di Ennio Fiocco

Le riflessioni di Paul Thorel nell'amata Panarea

La mia breve ricerca viene oggi dedicata a Paul Thorel, il grande artista poliedrico, scomparso lo scorso mese di maggio. Nato a Londra nel 1956, dopo aver vissuto a Parigi e a Roma, si è trasferito definitivamente a Napoli. E' stato presentato come un artista rivoluzionario che ha esplicitato la sua vocazione in una zona grigia di non facile decifrazione, tra la fotografia e le arti visive, attraversata e esplorata con la mediazione delle tecnologie digitali. In estrema sintesi, partendo dall’immagine fotografica con l'ausilio di software digitali si è allontanato completamente da essa fino a scomporla in un flusso di punti e di immagini curvilinee. Il maestro ha così dato vita ad una ricerca diversa dove l’immagine si sviluppa in un linguaggio autonomo e nuovo.

In una intervista Thorél ha affermato che: “Per me è stata sempre un’esigenza quella di utilizzare la tecnologia … bisogna assoggettare la tecnologia al proprio lavoro”.

Ma chi era il grande artista il quale è stato sempre una persona riservata?

Non è affatto semplice classificarlo, ma è stato sicuramente un novativo artista che ha lasciato tracce consistenti nella sua rara ricerca.

Il padre era il francese Alain Thorel e la madre era la psicoanalista partenopea Paola Caròla che è stata anche modella nell'atelier dell'artista svizzero Alberto Giacometti nel 1958 per un busto commissionato proprio da quest'ultima. Inizia a dipingere nel lontano 1974 presso lo studio di Carla Accardi a Roma e nel 1979 si dedica ad esplorare la creazione di immagini elettroniche all’Institut National de l’Audiovisuel di Parigi. La sua ricerca è anche diretta a progetti sperimentali collaborando con centri di produzione TV, industrie informatiche e università, e realizza progetti per il cinema, il teatro e la comunicazione pubblicitaria. Sin dal 1982 pubblica il risultato di questa lavoro in corso su riviste internazionali di fotografia quali “Aperture”, “Originale”, “Zoom”, “Photographies Magazine” e su diversi quotidiani e settimanali.

La sua dedizione costituisce un momento di sintesi nella “sperimentazione e riflessione sul ruolo della fotografia nella cultura contemporanea”. Ha realizzato numerosissime opere e mostre. La più recente ed impegnativa è stata il gigantesco mosaico “Passaggio della Vittoria” del 2018 per il Museo Madre di Napoli. La visione inizia da centinaia di foto di vedute marine, che ricorre sovente nell'estricarsi del suo pensiero sin dai primi a anni “80, congiungendo la sua Napoli all’isola di Panarea che lo accoglieva nei momenti di riflessione a lui moto cari. Merita di essere anche ricordato, quale titolare, per un progetto di restauro conservativo di un frantoio e palmento del XIX secolo ubicato nei pressi della isolata spiaggia di Cala Zimmari dell'isola di Panarea, vincolato dalla Regione con D.A. Del 21/09/1988.

Il manufatto, di una certa consistenza era importante nella società agricola di Panarea in quanto uno dei rari frantoi, che è stato adattato e recuperato nei primi anni del 2000 ad abitazione privata e con il mantenimento dei macchinari originari, tra cui la macina del frantoio, le presse e le vasche a caduta per la pigiatura delle preziose uve. Il tutto nella salvaguardia dell'edificio secondo tecniche tradizionali e con l'impiego di materiali compatibili con l’esistente.

Paul Thorel, che amava Panarea, era immerso nelle sue riflessioni di artista e di uomo nella straordinaria Cala Zimmari, distante dalla mondanità notturna dell'isola.

Paul-Thorél.jpg

 immagine_18.jpg

NOTIZIARIOEOLIE.IT

I DOCUMENTI STORICI IN ESCLUSIVA DEL DOTTOR ENNIO FIOCCO

31 OTTOBRE 2019

Andreas Achenbach e la visione dello Stromboli del 1844

1 NOVEMBRE 2019

Il viaggio di Lazzaro Spallanzani

9 NOVEMBRE 2019

Athanasius Kircher e lo Stromboli del 1600

16 NOVEMBRE 2019

Filicudi, Don Giovannino Lopes e la storia delle murene

28 DICEMBRE 2019

Cesarina Gualino e il soggiorno a Lipari nel 1931

PER LA LETTURA DEGLI ALTRI ARTICOLI CLICCARE NEL LINK LEGGI TUTTO

12 MARZO 2020

Vulcano, Elisée Reclus il geografo anarchico

14 MARZO 2020

 Lipari, Elisée Reclus nel 1865

27 MARZO 2020

I Liparoti ritrovati. Il Punto e Virgola

2 APRILE 2020

Gli Eoliani di Ustica

6 APRILE 2020

Pellegro, il pittore genovese del primo seicento barocco e la tavola della Conversione di San Paolo

14 APRILE 2020

Per non dimenticare Irene Kowaliska

18 aprile 2020

La regina Eleonora D'Arborea e il suo falco

22 APRILE 2020

Robert Mertens e la lucertola delle Eolie in estinzione

6 MAGGIO 2020

Marcello Aliprandi e le bellezze di Vulcano

13 MAGGIO 2020

Gli angeli buoni tra cielo e immaginazione

18 maggio 2020

Filicudi, l'isola del naufragio

28 maggio 2020

Panarea, Uniti nella tempesta di Lisca Bianca

7 GIUGNO 2020

Alicudi, l'invidiabile beatitudine degli Isolani negli scritti di Lazzaro Spallanzani

16 giugno 2020

Alicudi vista da Alexandre Dumas nel 1835

22 giugno 2020

I Carabinieri alle isole Eolie

30 GIUGNO 2020

Sulle tracce degli Eoliani nell'America centrale del 1500

9 AGOSTO 2020

Sapori Arabi nella tradizione siciliana

25 AGOSTO 2020

Un grande cuore, una grande anima. Padre Agostino da Giardini (1914 + 1977)

21 SETTEMBRE 2020

Il mare visto da Renato Zero

1 OTTOBRE 2020

Coralli ed onde nel mare eoliano dall'antichità fino al viaggio dello Spallanzani

6 OTTOBRE 2020

Alla ricerca dei sapori perduti del mosto

15 OTTOBRE 2020

Le isole e il vento nella poesia di Bartolo Cattafi.

25 OTTOBRE 2020

I dimenticati. Le anime inquiete in cerca di Patria

centro_massaggi copia.jpg