140360869_10222331120340402_6109034543150630986_o.jpg

di Ennio Fiocco

Charles Gore e le isole nel settecento

Charles Gore (5 dicembre 1729 -23 gennaio 1807) è un artista inglese del Gran Tour.

Ha frequentato la Westmister School prima di lavorare con il fratello di suo padre in una società commerciale londinese. Nel 1751 sposò Mary (nata Cockerill), la cui ricchezza era immensa.

preview_00141305_001.jpg

Dopo la morte del padre si trasferì con la famiglia nel 1759 a Southampton, dove trascorse molti giorni a creare acquerelli di scene navali presso i cantieri navali di Portsmouth. La sua cerchia sociale comprendeva il duca di York, il duca di Gloucester e il duca di Cumberland, che erano tutti fratelli di re Giorgio III. Nel 1775 George Clavering-Cowper, il presunto terzo conte Cowper sposò la figlia sedicenne di Gore, Hannah Anne Gore, il 2 giugno. Il loro fidanzamento è stato commemorato con un dipinto di Johann Zoffany, commissionato da Gore. Nel 1780 la figlia andò ad abitare a Villa Palmieri a Fiesole e ad avere tre figli di cui due divennero conti.

1777 Charles Goore British Museum__ Londra.jpg

Nel 1777 intraprese il viaggio in Sicilia con Payne Knight e Hackert.

Per quanto incredibile possa sembrare, le vestigia della Magna Grecia, con i suoi templi che nemmeno nella Grecia stessa sono così ben conservati, hanno cominciato ad essere esplorate soltanto verso la fine del Settecento. Erano sotto gli occhi di tutti, ma nessuno le vedeva.

La loro “scoperta” si deve alla moda del Grand Tour e difficilmente i viaggiatori si spingevano nelle regioni più a sud - Calabria, Puglia e Sicilia - faticose da raggiungere attraverso strade disagevoli e territori abitati da popolazioni sospettose.

preview_00276015_001.jpg

L'unico “reportage” sistematico, grazie alla committenza reale, era la serie dei Porti del Regno e dei Siti Reali dipinti di Jakob Philipp Hackert, che fra i più eccelsi vedutisti, nel 1777 accompagnò l'antiquario, connoisseur e collezionista Richard Payne Knight, assieme a Charles Gore, in un viaggio attraverso la Sicilia imbarcandosi a Napoli e facendo tappa a Paestum, a Palinuro e alle Eolie per sbarcare infine a Milazzo. Trentanove disegni di Gore e Hackert sono oggi conservati al British Museum di Londra. Un manoscritto rivenuto casualmente nel 1980 (due secoli dopo il viaggio) ed esattamente l'Expedition into Sicily di Richar Payne Knight ci arricchisce di particolari e riporta esperienze fatte dall'autore e dai suoi compagni di viaggio, i pittori Philipp Hackert e Clarles Gore. Knight e i suoi compagni, partono da Napoli il 12 aprile 1777 in una feluca da dodici remi per fare il giro della Sicilia. Il 23 aprile la comitiva arriva a Stromboli ed il giorno dopo a Lipari, dove l'autore ha modo di osservare a fondo i vulcani e gli effetti del vulcanismo.

Rientrano a Milazzo il 25 aprile per proseguire in altre località della Sicilia.

Per quanto concerne il Gran Tour, l'analisi degli accadimenti storici e sociali del settecento rivela l'esistenza, oltre che di interessi culturali, linguistici e commerciali comuni a tutti i Grand Tourists, anche una motivazione tipica degli spiriti più sensibili.

Infatti, la nostalgia per questo paradiso perduto spingeva alcuni viaggiatori verso il Sud Italia e le isole, nonostante la pericolosità e le forti difficoltà per raggiungerla.

Di Charles Gore ho rinvenuto tre opere interessanti esposte al British Museum di Londra e le presento ai lettori.

 301388154_10225953651741423_6284777832258218867_n.jpg

I DOCUMENTI STORICI IN ESCLUSIVA DEL DOTTOR ENNIO FIOCCO

31 OTTOBRE 2019

Andreas Achenbach e la visione dello Stromboli del 1844

1 NOVEMBRE 2019

Il viaggio di Lazzaro Spallanzani

9 NOVEMBRE 2019

Athanasius Kircher e lo Stromboli del 1600

16 NOVEMBRE 2019

Filicudi, Don Giovannino Lopes e la storia delle murene

28 DICEMBRE 2019

Cesarina Gualino e il soggiorno a Lipari nel 1931

PER LA LETTURA DEGLI ALTRI ARTICOLI CLICCARE NEL LINK LEGGI TUTTO

12 MARZO 2020

Vulcano, Elisée Reclus il geografo anarchico

14 MARZO 2020

 Lipari, Elisée Reclus nel 1865

27 MARZO 2020

I Liparoti ritrovati. Il Punto e Virgola

2 APRILE 2020

Gli Eoliani di Ustica

6 APRILE 2020

Pellegro, il pittore genovese del primo seicento barocco e la tavola della Conversione di San Paolo

14 APRILE 2020

Per non dimenticare Irene Kowaliska

18 aprile 2020

La regina Eleonora D'Arborea e il suo falco

22 APRILE 2020

Robert Mertens e la lucertola delle Eolie in estinzione

6 MAGGIO 2020

Marcello Aliprandi e le bellezze di Vulcano

13 MAGGIO 2020

Gli angeli buoni tra cielo e immaginazione

18 maggio 2020

Filicudi, l'isola del naufragio

28 maggio 2020

Panarea, Uniti nella tempesta di Lisca Bianca

7 GIUGNO 2020

Alicudi, l'invidiabile beatitudine degli Isolani negli scritti di Lazzaro Spallanzani

16 giugno 2020

Alicudi vista da Alexandre Dumas nel 1835

22 giugno 2020

I Carabinieri alle isole Eolie

30 GIUGNO 2020

Sulle tracce degli Eoliani nell'America centrale del 1500

9 AGOSTO 2020

Sapori Arabi nella tradizione siciliana

25 AGOSTO 2020

Un grande cuore, una grande anima. Padre Agostino da Giardini (1914 + 1977)

21 SETTEMBRE 2020

Il mare visto da Renato Zero

1 OTTOBRE 2020

Coralli ed onde nel mare eoliano dall'antichità fino al viaggio dello Spallanzani

6 OTTOBRE 2020

Alla ricerca dei sapori perduti del mosto

15 OTTOBRE 2020

Le isole e il vento nella poesia di Bartolo Cattafi.

25 OTTOBRE 2020

I dimenticati. Le anime inquiete in cerca di Patria

3 NOVEMBRE 2020

Panarea, le riflessioni di Paul Thorel nell'amata isola

9 NOVEMBRE 2020

Cloe e la sua bambola di terracotta

28 FEBBRAIO 2021

Lipari, Nicola de Franco ed il suo schiavo nel 1491

2 APRILE 2021

Il mare in tempesta di Jean Epstein

20 APRILE 2021

Mitologia, Eolie e il grande Demis Roussos

16 giugno 2021

Licenze e Corsari

7 ottobre 2021

L'inferno degli Sterrati dell'isola di Vulcano (I figli di nessuno).

28 ottobre 2021

Eolie, Antoine de la Sale nel 1407

8 gennaio 2022

Stromboli, Edesio si "divideva" anche con Venezia

17 marzo 2022

 La signora Maria "la mia cara paesana..."

20 marzo 2022

Giacomo Carduini, il Vescolo di Lipari dal 1489 al 1506, e il sangue di San Gennaro

8 LUGLIO 2022

Lipari, Il "sacco" visto dal pittore Charles Fouqueray (1869 - 1956)

24 luglio 2022

 I buoi di Houël nella natura selvaggia delle isole

 

lasirenetta-orizz.jpg