140360869_10222331120340402_6109034543150630986_o.jpg

di Ennio Fiocco

Le visioni vulcaniche di Hans Falk

L'opera dell'artista svizzero Hans Falk (1918 + 2002) comprende pittura, disegno, illustrazione ed arte oggettuale e testimonia la sua perenne irrequietezza. Il maestro amò viaggiare molto e il suo interesse comprende gli aspetti scomodi e tempestosi dei luoghi in cui ha soggiornato. La sua produzione iconografica, in alcune fasi figurativa e in altre astratta, manifesta accenni delicati con opere espressive e gestuali di grande impatto. Falk ha frequentato la Scuola di arti applicate di Lucerna con formazione di grafico a Zurigo dove sono scaturiti i primi dipinti oggettuali parallelamente al suo lavoro professionale e alla partecipazione a diversi concorsi di poster.

Hans Falk nel 1974.jpg

Ha intrapreso i viaggi solo a partire dal 1945 con soggiorni in Italia, Spagna, Marocco e a Capo Nord; negli anni Cinquanta ha visitato anche il Medio Oriente, la Catalogna e gli USA. Nel 1958 si è dedicato al suo lavoro come artista indipendente trasferendosi sulla costa battuta dai venti della Cornovaglia, conoscendo due importanti rappresentanti dell'arte astratta, Alan Davie e Barbara Hepworth. Ogni trasferimento è stato accompagnato da un nuovo impulso creativo: ad esempio a Stromboli - dove ha vissuto negli anni Sessanta -, si è interessato di action painting e arte informale. Negli anni londinesi (1968–1973) è tornato alle rappresentazioni figurative che ha poi affiancato ad elementi puramente astratti negli anni passati a New York (1973–1985). Va ricordato anche per le illustrazioni di edizioni bibliografiche (tra cui di Friedrich Dürrenmatt e di Henry Miller) e per i suoi eccezionali poster.

Stomboli, 1961, olio su tela, 133 x 162 cm.jpg

Sono, ad esempio suoi, i sette poster per il padiglione svizzero dell'Expo 1964 a Losanna. Nel 1960 Hans Falk acquista una casa in rovina sull'isola di Stromboli, che inizia a ristrutturare nel 1963 e spinto dalla necessità di consentire a colori, forme e linee di creare il proprio effetto, attinge alle tecniche dell'arte internazionale Movimento informale. Quindi, l'artista mette la tela davanti a sé su cavalletti, a terra, per avvicinarsi il più possibile al quadro.

Nell'atto di dipingere, i colori e i segni immaginati vengono applicati in modo intuitivo e spontaneo.Sovente impiega materiali trovati in giro come strutture nelle sue immagini. Lo contraddistingue una cosa: e cioè l'abitudine di cambiare frequentemente l'ubicazione del suo studio, spesso lavorando in magazzini e/o case abbandonate. Afferma che “Il mio spazio di lavoro è una distesa grigia di macerie. Lavoro spesso all'aria aperta. Piove raramente. Non c'è tregua in questo sole cocente. Diventa intenso come il caldo del deserto, che conosco in prima persona. I suoi raggi bruciare e seccare. La malta cola dalle pareti, grandi isole di calce si aggrappano. […] Voglio continuare qui; nel mio studio di rovine trovo concentrazione”.Stromboli, 1965, dispersione su carta, 62 x 88 cm.jpg

Sull'isola di Stromboli crea una una serie di composizioni plastiche. Il risultato che ne scaturisce sono delle sculture fantastiche e colorate fatte di ossa, pietra lavica e cimeli di legno delle ex comunità di pescatori e viticoltori. Afferma, ancora, che “I miei oggetti sono formati da oggetti domestici trovati. Cambio costantemente la loro forma distruggendola - per me non sono essenzialmente diversi da ciò che esprimo nella mia pittura. Dal momento che crescono e calano ripetutamente, io sto attraversando il costante processo di rilascio di ciò che è profondo dentro di me, proprio come nella mia pittura”. Ritorna successivamente nella sua amata Stromboli dal 1987, ma non lavora più in rovina in quanto vive e crea le sue opere in una casa e in uno studio ridotti alle forme moresche.

E ciò in quanto inizia per lui un altro periodo creativo. Infatti, rivisita i colori e le forme del suo primo periodo a Stromboli: adesso sono cambiati e sono più condensati. Nel pensiero dell'Artista ciò che conta è il fatto che l'opera d'arte nasce dalla necessità, che abbia un contenuto, un contenuto umano e che dietro il suo aspetto visibile ci sono esperienze del cuore, alti e bassi, infinite sofferenze e gioie. Per alcuni mesi all'anno interrompe il suo soggiorno sull'isola per creare mostre in tutta Europa. Il grande Maestro illustra e progetta anche vari libri e molteplici riviste, nonché una serie di francobolli per la Posta Elvetica.

Dopo un intenso periodo di lavoro a Stromboli, il 19 aprile 2002 muore all'età di 83 anni. Si può dire, sicuramente, che Hans Falk è stato come un alchimista sullo Stromboli che ha sperimentando le sue opere. Il vulcano manifesta sicuramente uno stato d'animo e l'isola è un bianco abbagliante per le abitazioni imbiancate a calce dove i muri vivono, si sgretolano e si erodono come elementi di un collage a cui si aggiunge la sabbia rossa e nera che viene applicata dall'artista. Propongo a i lettori alcune opere con tema “Stromboli”.

Stromboli, 1993, tempera su carta macinata, 137 x 110 cm.jpg

NOTIZIARIOEOLIE.IT

I DOCUMENTI STORICI IN ESCLUSIVA SUL NOTIZIARIO DELL'AVVOCATO ENNIO FIOCCO

31 OTTOBRE 2019

Andreas Achenbach e la visione dello Stromboli del 1844

1 NOVEMBRE 2019

Il viaggio di Lazzaro Spallanzani

9 NOVEMBRE 2019

Athanasius Kircher e lo Stromboli del 1600

16 NOVEMBRE 2019

Filicudi, Don Giovannino Lopes e la storia delle murene

28 DICEMBRE 2019

Cesarina Gualino e il soggiorno a Lipari nel 1931

PER TUTTI GLI ALTRI DOCUMENTI STORICI CLICCARE NEL LINK LEGGI TUTTO

12 MARZO 2020

Vulcano, Elisée Reclus il geografo anarchico

14 MARZO 2020

 Lipari, Elisée Reclus nel 1865

27 MARZO 2020

I Liparoti ritrovati. Il Punto e Virgola

2 APRILE 2020

Gli Eoliani di Ustica

6 APRILE 2020

Pellegro, il pittore genovese del primo seicento barocco e la tavola della Conversione di San Paolo

14 APRILE 2020

Per non dimenticare Irene Kowaliska

18 aprile 2020

La regina Eleonora D'Arborea e il suo falco

22 APRILE 2020

Robert Mertens e la lucertola delle Eolie in estinzione

6 MAGGIO 2020

Marcello Aliprandi e le bellezze di Vulcano

13 MAGGIO 2020

Gli angeli buoni tra cielo e immaginazione

18 maggio 2020

Filicudi, l'isola del naufragio

28 maggio 2020

Panarea, Uniti nella tempesta di Lisca Bianca

7 GIUGNO 2020

Alicudi, l'invidiabile beatitudine degli Isolani negli scritti di Lazzaro Spallanzani

16 giugno 2020

Alicudi vista da Alexandre Dumas nel 1835

22 giugno 2020

I Carabinieri alle isole Eolie

30 GIUGNO 2020

Sulle tracce degli Eoliani nell'America centrale del 1500

9 AGOSTO 2020

Sapori Arabi nella tradizione siciliana

25 AGOSTO 2020

Un grande cuore, una grande anima. Padre Agostino da Giardini (1914 + 1977)

21 SETTEMBRE 2020

Il mare visto da Renato Zero

1 OTTOBRE 2020

Coralli ed onde nel mare eoliano dall'antichità fino al viaggio dello Spallanzani

6 OTTOBRE 2020

Alla ricerca dei sapori perduti del mosto

15 OTTOBRE 2020

Le isole e il vento nella poesia di Bartolo Cattafi.

25 OTTOBRE 2020

I dimenticati. Le anime inquiete in cerca di Patria

3 NOVEMBRE 2020

Panarea, le riflessioni di Paul Thorel nell'amata isola

9 NOVEMBRE 2020

Cloe e la sua bambola di terracotta

28 FEBBRAIO 2021

Lipari, Nicola de Franco ed il suo schiavo nel 1491

2 APRILE 2021

Il mare in tempesta di Jean Epstein

20 APRILE 2021

Mitologia, Eolie e il grande Demis Roussos

16 giugno 2021

Licenze e Corsari

7 ottobre 2021

L'inferno degli Sterrati dell'isola di Vulcano (I figli di nessuno).

28 ottobre 2021

Eolie, Antoine de la Sale nel 1407

8 gennaio 2022

Stromboli, Edesio si "divideva" anche con Venezia

17 marzo 2022

 La signora Maria "la mia cara paesana..."

20 marzo 2022

Giacomo Carduini, il Vescolo di Lipari dal 1489 al 1506, e il sangue di San Gennaro

8 LUGLIO 2022

Lipari, Il "sacco" visto dal pittore Charles Fouqueray (1869 - 1956)

24 luglio 2022

I buoi di Houël nella natura selvaggia delle isole

2 AGOSTO 2022

Charles Gore e le isole nel settecento

29 SETTEMBRE 2022

Lipari, Maria e Giovanni un amore violato

13 OTTOBRE 2022

Vulcano, Ludovico Sicardi tra i fumaroli nel 1922

1 NOVEMBRE 2022

Eolie, Emile Chaix tra l'Etna e le Isole nel 1890

4 NOVEMBRE 2022

Via Paolo Fabbri 43” cantata da Francesco Guccini

14 NOVEMBRE 2022

William Henry Smith e le sue carte

19 NOVEMBRE 2022

Aerei e vulcani futuristi visti dal pittore Giulio D'Anna

filippino2 copia.jpg