Eventi e Comunicazioni

agevolazioni_bonus_pubblicità_2024.jpg

"Con il Notiziario delle Eolie Bonus pubblicità con credito d'imposta al 75%" 

Dettagli...

140360869_10222331120340402_6109034543150630986_o.jpg

di Ennio Fiocco

Willem Schellinks (1623–1678), è stato uno degli artisti olandesi più viaggiati del suo tempo. Pittore, disegnatore, incisore di paesaggi e scene marine ed anche poeta. Nasce da una famiglia di artisti ad Amsterdam. Schellinks ha raccolto i suoi disegni e appunti su uno dei suoi viaggi in tre volumi, che sono rimasti inediti, ma che ha conservato per la lettura degli amici. In un viaggio, iniziato il 14 luglio 1661, comprendeva visite in Inghilterra, Francia, Germania, Svizzera, Malta, Italia e la Sicilia. Scrisse anche un diari. Si ipotizza che l'artista potrebbe essere stato incaricato dal governo olandese di realizzare gli schizzi sui suoi viaggi all'estero, poiché molti dei suoi disegni includono punti strategici che avrebbero interessato i servizi di intelligence del governo.

Alcuni di essi furono anche utilizzati anche nella compilazione del famoso Atlas Blaeu-Van der Hem, pubblicato ad Amsterdam tra il 1649 e il 1673. Schellinks visitò l'Italia nell'ambito di un Grand Tour che intraprese tra il 1661 e il 1665, finanziato in parte dalla famiglia del suo giovane allievo, il tredicenne Jacob Thierry il Giovane (1648-1709), e in parte da Laurens van der Hem (1621-1678), il cui prezzo era che Schellinks realizzasse disegni dei luoghi da lui visitati che potessero essere inclusi nel vasto atlante che van der Hem stava compilando. Il viaggio può essere ricostruito non solo attraverso la serie di disegni di Schellinks, ma anche attraverso il diario da lui tenuto durante i loro viaggi, poi trascritto in una bella copia oggi alla Biblioteca Reale di Copenaghen. Scrive anche su Messina che vede per la prima volta il 10 agosto 1664, descrivendola così: “Messina è la capitale del Regno di Sicilia, approdo sicuro nel canale o stretto fra il Mediterraneo e il mare, chiamato lo Stretto ovvero il Faro di Messina.

Vista con paesaggio dello__ Stromboli, olio su tela 56 x 40 cm Museo delle Belle Arti di__ Caen, 1664.jpeg

Il regno è governato da un viceré, lì inviato dal re di Spagna, che tiene la sua corte in due luoghi, cioè sia a Messina che a Palermo, ma che viene tuttavia sostituito ogni 18 mesi. Il suo dominio è più ampio a Palermo che a Messina perché in quella città egli, con i suoi alti consiglieri, nomina gli amministratori a suo piacimento, senza conoscere i nominati né alcun’altra persona, e propone le leggi, ripartisce gli incarichi etc. […] L’Università si trova solo a Messina ed è lì che si formano tutti i dottori del Regno. Solo Messina ha la zecca e batte moneta,Palermo no.

Per poter conservare i suoi privilegi e lo statuto di città, Messina gestisce i propri soldati, distribuiti in sette castelli, e anche nella città di Palermo mantiene un proprio castello e delle truppe. Il municipio vero e proprio non dispone di armi, a causa delle molteplici rivolte che vi si sono verificate. Le due città di Messina e Palermo sono di continuo in disaccordo e questo disaccordo viene costantemente alimentato dal re di Spagna per fare in modo che esse non si riappacifichino, perché altrimenti si assocerebbero e si libererebbero dal giogo spagnolo. Entrambe le città sono densamente abitate: si stima che nel 1664 nella città di Messina vi fossero centoventimila anime.”

Tropea con vista dello Stromboli__ fumante in lontananza, 1664 Biblioteca Nazionale Austriaca di__ Vienna.jpg

L'artista, con le sue vedute marine, aveva certamente anche una missione di spionaggio militare, per informare i servizi segreti olandesi dei punti fortificati delle città straniere ritenute strategiche e lo fa con una precisione disarmante. Dopo una breve parentesi palermitana e qualche gita sulla sponda calabrese, il 10 dicembre Schellinks lascia definitivamente Messina per ripartire alla volta di Napoli.

Propongo ai lettori tre sue opere realizzate nel 1664. La prima una veduta di pregevole fattura dello Stromboli dalla Calabria, olio su tela di cm. 56 x 40, che si trova in Francia al Museo delle Arti di Caen. Le altre sono due disegni interessanti di cm. 47 x 101,5 cm. Realizzati su carta, inchiostro e lavaggio marrone, facenti parte dell'Atlas Maio di Blaeu (acquistato all'asta dal principe Eugenio di Savoia ad un asta nel 1730) ed attualmente custoditi nella Biblioteca Nazionale di Vienna.

Si tratta, in particolare: a) di edifici del castello su un promontorio visto dal mare del castello di Capo d'Orlando (di cui oggi però esiste solo una chiesa); b) Tropea con vista dello Stromboli fumante in lontananza.

Edifici del castello di Capo__ d'Orlando su un promontorio visto dal mare, 1664 Biblioteca__ Nazionale Austriaca di Vienna.png

NOTIZIARIOEOLIE.IT

I DOCUMENTI STORICI IN ESCLUSIVA SUL NOTIZIARIO DELL'AVVOCATO ENNIO FIOCCO

31 OTTOBRE 2019

Andreas Achenbach e la visione dello Stromboli del 1844

1 NOVEMBRE 2019

Il viaggio di Lazzaro Spallanzani

9 NOVEMBRE 2019

Athanasius Kircher e lo Stromboli del 1600

16 NOVEMBRE 2019

Filicudi, Don Giovannino Lopes e la storia delle murene

28 DICEMBRE 2019

Cesarina Gualino e il soggiorno a Lipari nel 1931

PER TUTTI GLI ALTRI DOCUMENTI STORICI CLICCARE NEL LINK LEGGI TUTTO

12 MARZO 2020

Vulcano, Elisée Reclus il geografo anarchico

14 MARZO 2020

 Lipari, Elisée Reclus nel 1865

27 MARZO 2020

I Liparoti ritrovati. Il Punto e Virgola

2 APRILE 2020

Gli Eoliani di Ustica

6 APRILE 2020

Pellegro, il pittore genovese del primo seicento barocco e la tavola della Conversione di San Paolo

14 APRILE 2020

Per non dimenticare Irene Kowaliska

18 aprile 2020

La regina Eleonora D'Arborea e il suo falco

22 APRILE 2020

Robert Mertens e la lucertola delle Eolie in estinzione

6 MAGGIO 2020

Marcello Aliprandi e le bellezze di Vulcano

13 MAGGIO 2020

Gli angeli buoni tra cielo e immaginazione

18 maggio 2020

Filicudi, l'isola del naufragio

28 maggio 2020

Panarea, Uniti nella tempesta di Lisca Bianca

7 GIUGNO 2020

Alicudi, l'invidiabile beatitudine degli Isolani negli scritti di Lazzaro Spallanzani

16 giugno 2020

Alicudi vista da Alexandre Dumas nel 1835

22 giugno 2020

I Carabinieri alle isole Eolie

30 GIUGNO 2020

Sulle tracce degli Eoliani nell'America centrale del 1500

9 AGOSTO 2020

Sapori Arabi nella tradizione siciliana

25 AGOSTO 2020

Un grande cuore, una grande anima. Padre Agostino da Giardini (1914 + 1977)

21 SETTEMBRE 2020

Il mare visto da Renato Zero

1 OTTOBRE 2020

Coralli ed onde nel mare eoliano dall'antichità fino al viaggio dello Spallanzani

6 OTTOBRE 2020

Alla ricerca dei sapori perduti del mosto

15 OTTOBRE 2020

Le isole e il vento nella poesia di Bartolo Cattafi.

25 OTTOBRE 2020

I dimenticati. Le anime inquiete in cerca di Patria

3 NOVEMBRE 2020

Panarea, le riflessioni di Paul Thorel nell'amata isola

9 NOVEMBRE 2020

Cloe e la sua bambola di terracotta

28 FEBBRAIO 2021

Lipari, Nicola de Franco ed il suo schiavo nel 1491

2 APRILE 2021

Il mare in tempesta di Jean Epstein

20 APRILE 2021

Mitologia, Eolie e il grande Demis Roussos

16 giugno 2021

Licenze e Corsari

7 ottobre 2021

L'inferno degli Sterrati dell'isola di Vulcano (I figli di nessuno).

28 ottobre 2021

Eolie, Antoine de la Sale nel 1407

8 gennaio 2022

Stromboli, Edesio si "divideva" anche con Venezia

17 marzo 2022

 La signora Maria "la mia cara paesana..."

20 marzo 2022

Giacomo Carduini, il Vescolo di Lipari dal 1489 al 1506, e il sangue di San Gennaro

8 LUGLIO 2022

Lipari, Il "sacco" visto dal pittore Charles Fouqueray (1869 - 1956)

24 luglio 2022

I buoi di Houël nella natura selvaggia delle isole

2 AGOSTO 2022

Charles Gore e le isole nel settecento

29 SETTEMBRE 2022

Lipari, Maria e Giovanni un amore violato

13 OTTOBRE 2022

Vulcano, Ludovico Sicardi tra i fumaroli nel 1922

1 NOVEMBRE 2022

Eolie, Emile Chaix tra l'Etna e le Isole nel 1890

4 NOVEMBRE 2022

Via Paolo Fabbri 43” cantata da Francesco Guccini

14 NOVEMBRE 2022

William Henry Smith e le sue carte

19 NOVEMBRE 2022

Aerei e vulcani futuristi visti dal pittore Giulio D'Anna

30 NOVEMBRE 2022

Le visioni vulcaniche di Hans Falk

7 DICEMBRE 2022

Riccardo Fainardi e la veduta dello Stromboli in eruzione

17 DICEMBRE 2022

Stromboli, l'eruzione del 30 agosto 1842 del pittore Jean-Charles-Joseph Rémond

FB_followers.jpg