agevolazioni_bonus_pubblicità_2024.jpg

"Con il Notiziario delle Eolie Bonus pubblicità con credito d'imposta al 75%" 

Dettagli...

efiocvf.jpg

di Ennio Fiocco

Strabone il geografo e le isole Eolie.

Nel I secolo a.C., l'impero romano viveva un'età dell'oro della conoscenza e della tecnologia con uno sviluppo sociale che raggiungeva altezze che non avrebbe più rivisto per mille anni. In tale contesto, un greco di Amaseia in Anatolia, di nome Strabo, detto Strabone (63 o 64 a.C. + 24 d.C) avrebbe creato una delle opere più importanti a livello di geografia. I grandi regni ellenistici sorti dalle ceneri dell'impero di Alessandro erano quasi crollati e l'intero bacino del Mediterraneo era caduto per la prima e unica volta sotto il dominio della potenza di Roma. Nella formazione intellettuale di Strabone l’interesse geografico si è certamente sviluppato grazie anche all’insegnamento di illustri omeristi del suo tempo, come Aristodemo. Da giovane studia retorica, grammatica, filosofia e matematica, prima in Anatolia e poi a Roma. E poi compie lunghi viaggi come nessun altro geografo dell’epoca.

Strabone e i suoi contemporanei pensavano alla Terra come a un globo diviso in cinque fasce: due fredde a nord e a sud, due temperate, e una al centro, torrida. La parte abitata, immaginata come una grande isola, era posta in un quarto settentrionale del globo, circondata da oceani. Lo presumevano, perché nessuno aveva circumnavigato la Terra. Prendendo il Mediterraneo come punto di riferimento, a sud c’era un continente che veniva chiamato dai Greci Libia, ad est c’era l’Asia, a nord l’Europa. L'opera importantissima, composta di più parti, dal titolo La Geografia rappresenta uno sguardo greco sul mondo allora conosciuto. Ho rinvenuto una traduzione francese di Amédée Tardieu (1822 - 1893), bibliotecario e geografo e nella parte che tratta le isole Eolie la presento ai lettori. Si tratta del Libro VI Italia, capitolo secondo da titolo “La Sicilia e le Isole Lipari”. Il poliedrico geografo afferma che: “La Sicilia è di forma triangolare: da qui il primo nome di Trinacria che le fu dato e che successivamente mutò in quello di Trinakia, più facile da pronunciare...Così da Pelorias a Mylae, il Chorographe conta 25 miglia; ne conta altrettanti da Mylae a Tyndaris, più 30 miglia fino ad Agathyrnus; Altre 30 miglia ad Alaesa e altre 30 a Cephalaedium, che oltretutto è, come le località precedenti, solo un piccolissimo luogo; Miglia 18 poi al fiore di Imera, il cui corso divide la Sicilia all'incirca a metà, miglia 35 a Panorme...”.

Nel descrivere anche i monti Nebrodi “situati proprio di fronte all'Etna”, Strabone ci parla dei fenomeni vulcanici delle isole Eolie. In particolare, “Fatti della stessa natura di questi, della stessa natura anche dei fenomeni vulcanici della Sicilia, si osservano nelle isole chiamate Liparee, in particolare nell'isola di Lipara. Il gruppo comprende sette isole. Lipara, colonia cnidica, è la più grande; è anche la più vicina alla Sicilia, almeno dopo Thermesse. Il suo nome originario era Meligunis. C'era un tempo in cui, padrona delle isole che la delimitano e che oggi sono designate col nome di isole Liparee, o talvolta anche col nome di isole Eole, quest'isola poteva allestire vere e proprie flotte, le quali, percorrendo la mari, respinsero a lungo le discese o le incursioni dei Tirreni. Più di una volta inviò persino a Delfi i resti di navi nemiche per adornare il tempio di Apollo. Oltre al terreno fertile, quest'isola ha una preziosa miniera di allume e sorgenti termali. Aggiungiamo che lì c'è un vulcano attivo. [Thermesse], o, come ora si chiama, Hiera, l'isola sacra di Vulcano, è situata circa a metà strada tra Lipara e la Sicilia; il suolo è ovunque roccioso, spoglio e vulcanico.

Strabone.jpg

Vediamo il fuoco scaturire attraverso tre orifizi, in altre parole attraverso tre crateri. Il più grande non vomita solo fiamme, ma anche masse o blocchi ignei che hanno già riempito buona parte dello stretto. Secondo tutti i fatti osservati, si crede generalmente che siano i venti che causano e causano le eruzioni del vulcano di Thermesse, così come causano quelle dell'Etna, e che, quando i venti cessano, anche le sue eruzioni cessano. Questa opinione, a nostro avviso, non è affatto irragionevole. Qual è infatti il principio, l'elemento che fa nascere i venti e che li alimenta? L'evaporazione del mare Non c'è quindi nulla di stupefacente, per chi ha assistito una volta a questo tipo di spettacolo, che sia un principio, un elemento congenere che accende il fuoco dei vulcani. Polibio trovò uno di questi tre crateri già in parte crollato su se stesso, ma gli altri due ancora intatti. Il più grande aveva una circonferenza di cinque stadi al suo margine esterno, poi si restrinse gradualmente fino a raggiungere un diametro di soli cinquanta piedi a uno stadio sopra il livello del mare, che era ben visibile dai resti dall'alto finché il tempo era calmo. Ecco ora ciò che Polibio aggiunge relativamente ai venti: se è il Notus che deve soffiare, un vapore nero, così denso da nascondere anche la vista della Sicilia, si diffonde intorno all'isoletta; Boreas invece è annunciata da fiamme molto nette, che si vedono scaturire dal centro del suddetto cratere e da detonazioni più forti del solito; quanto ai segni che annunciano lo Zefiro, essi tengono in qualche modo il mezzo tra i precursori del Notus ei segni che precedono Borea.

Gli altri due crateri hanno la stessa forma, lo stesso aspetto di questo, ma una forza eruttiva molto minore, e si può, secondo la differenza di intensità delle detonazioni e secondo il punto di partenza delle eruzioni fiamme o fumo, prevedere con certezza il tempo per tre giorni dopo. Fu così che gli abitanti di Lipara annunciarono a Polibio, allora trattenuto a terra dal maltempo che gli impediva di salpare, che presto si sarebbe levato un altro vento, e la cosa in effetti avvenne come avevano annunciato. Da tutto quanto sopra Polibio conclude che Omero, facendo di Eolo il donatore dei venti (il che può sembrare a prima vista una favola nel pieno senso della parola), non ci ha dato una pura finzione, ma la verità anche sotto un ingegnoso travestimento. Abbiamo visto all'inizio di questo lavoro cosa pensavamo al riguardo; riprendiamo dunque la continuazione della nostra descrizione del punto in cui questa digressione l'ha interrotta, poi trattenuti a terra da un brutto tempo che impediva di salpare, che presto sarebbe sorto un altro vento, e la cosa accadde davvero come avevano annunciato. Da tutto quanto sopra Polibio conclude che Omero, facendo di Eolo il donatore dei venti (il che può sembrare a prima vista una favola nel pieno senso della parola), non ci ha dato una pura finzione, ma la verità anche sotto un ingegnoso travestimento i Eole la donatrice dei venti (che a prima vista può sembrare una favola nel pieno senso della parola), non ci ha dato una pura finzione, ma anzi la verità anche sotto un ingegnoso travestimento...

E, come abbiamo già descritto Lipara e Thermesse, passiamo a Strongyle. Quest'isola prende il nome dalla sua forma arrotondata; è anch'essa di natura vulcanica, ma le sue eruzioni, molto minori per intensità di quelle delle altre due isole, la superano di gran lunga per splendore e splendore dei fuochi. Così i mitografi ne avevano fatto la dimora stessa di Eole. Didyma, la quarta isola del gruppo, deriva, come Strongyle, il nome che porta dalla sua configurazione”. Il geografo scrittore ci accenna anche alla due isole situate ai margini dell'arcipelago e cioè le attuali Filicudi ed Alidudi che erano adibite all'allevamento e al pascolo del bestiame. Infatti nei suoi scritti afferma espressamente che: Quanto ad Ericussa e Feniciussa, che vengono dopo, è dalla natura delle loro piantagioni che hanno tratto le loro; sono inoltre adibiti l'uno e l'altro esclusivamente all'allevamento e al pascolo del bestiame. Infine, se la settima, che si trova più al largo delle altre e che risulta essere completamente deserta, si chiamava Evonymos, è perché ce l'hai appena alla tua sinistra quando vai da Lipara in Sicilia. Non è raro, inoltre, da queste parti vedere delle fiamme scorrere sulla superficie del mare, apparentemente in conseguenza dell'apertura di qualche cratere sottomarino dovuto agli sforzi che il fuoco interno compie incessantemente per creare nuove uscite all'esterno.

Posidonio descrive un altro fenomeno osservato del suo tempo.“Un giorno, dice, all'ora del solstizio d'estate, si vide, appena sorse l'alba, il mare tra Iera ed Evonimo gonfiarsi in modo prodigioso, continuare per un certo tempo a gonfiarsi ancora, poi arrestarsi improvvisamente; le barche si diressero subito da quella parte, ma la vista di una quantità di pesci morti portata dal diluvio, uniti all'eccesso di caldo e all'odore rivoltante che esalava dal mare, spaventavano coloro che li montavano e li costringevano alla fuga; una sola barca, per essersi avvicinata, perse parte della sua gente e riportò il resto con grande difficoltà a Lipara e ancora in uno stato pietoso, in preda a crisi di delirio (un delirio analogo a quello degli epilettici), seguì, è vero, per improvvisi risvegli della ragione.

Pochi giorni dopo si formarono sulla superficie del mare delle efflorescenze fangose, accompagnate in certi punti da un rilascio di fiamme, vapori e fumo, poi questo fango si indurì e formò un'isola avente la consistenza e l'aspetto della macina. Il pretore di Sicilia, Tito Flaminino, si affrettò a portare il fatto a conoscenza del senato, il quale a sua volta inviò una deputazione a celebrare sul nuovo isolotto, oltre che a Lipara, un duplice sacrificio in onore degli dei infernali e delle divinità del mare”. Interessantissima l'opera del grande Strabone che ci appassiona anche oggi a distanza di oltre duemila anni e che ci fa rivivere il tempo in un'epoca fantastica che ci arricchisce di emozioni.

frontespiszio del libro tradotto.gif

NOTIZIARIOEOLIE.IT

I DOCUMENTI STORICI IN ESCLUSIVA SUL NOTIZIARIO DELL'AVVOCATO ENNIO FIOCCO

31 OTTOBRE 2019

Andreas Achenbach e la visione dello Stromboli del 1844

1 NOVEMBRE 2019

Il viaggio di Lazzaro Spallanzani

9 NOVEMBRE 2019

Athanasius Kircher e lo Stromboli del 1600

16 NOVEMBRE 2019

Filicudi, Don Giovannino Lopes e la storia delle murene

28 DICEMBRE 2019

Cesarina Gualino e il soggiorno a Lipari nel 1931

PER TUTTI GLI ALTRI DOCUMENTI STORICI CLICCARE NEL LINK LEGGI TUTTO

12 MARZO 2020

Vulcano, Elisée Reclus il geografo anarchico

14 MARZO 2020

 Lipari, Elisée Reclus nel 1865

27 MARZO 2020

I Liparoti ritrovati. Il Punto e Virgola

2 APRILE 2020

Gli Eoliani di Ustica

6 APRILE 2020

Pellegro, il pittore genovese del primo seicento barocco e la tavola della Conversione di San Paolo

14 APRILE 2020

Per non dimenticare Irene Kowaliska

18 aprile 2020

La regina Eleonora D'Arborea e il suo falco

22 APRILE 2020

Robert Mertens e la lucertola delle Eolie in estinzione

6 MAGGIO 2020

Marcello Aliprandi e le bellezze di Vulcano

13 MAGGIO 2020

Gli angeli buoni tra cielo e immaginazione

18 maggio 2020

Filicudi, l'isola del naufragio

28 maggio 2020

Panarea, Uniti nella tempesta di Lisca Bianca

7 GIUGNO 2020

Alicudi, l'invidiabile beatitudine degli Isolani negli scritti di Lazzaro Spallanzani

16 giugno 2020

Alicudi vista da Alexandre Dumas nel 1835

22 giugno 2020

I Carabinieri alle isole Eolie

30 GIUGNO 2020

Sulle tracce degli Eoliani nell'America centrale del 1500

9 AGOSTO 2020

Sapori Arabi nella tradizione siciliana

25 AGOSTO 2020

Un grande cuore, una grande anima. Padre Agostino da Giardini (1914 + 1977)

21 SETTEMBRE 2020

Il mare visto da Renato Zero

1 OTTOBRE 2020

Coralli ed onde nel mare eoliano dall'antichità fino al viaggio dello Spallanzani

6 OTTOBRE 2020

Alla ricerca dei sapori perduti del mosto

15 OTTOBRE 2020

Le isole e il vento nella poesia di Bartolo Cattafi.

25 OTTOBRE 2020

I dimenticati. Le anime inquiete in cerca di Patria

3 NOVEMBRE 2020

Panarea, le riflessioni di Paul Thorel nell'amata isola

9 NOVEMBRE 2020

Cloe e la sua bambola di terracotta

28 FEBBRAIO 2021

Lipari, Nicola de Franco ed il suo schiavo nel 1491

2 APRILE 2021

Il mare in tempesta di Jean Epstein

20 APRILE 2021

Mitologia, Eolie e il grande Demis Roussos

16 giugno 2021

Licenze e Corsari

7 ottobre 2021

L'inferno degli Sterrati dell'isola di Vulcano (I figli di nessuno).

28 ottobre 2021

Eolie, Antoine de la Sale nel 1407

8 gennaio 2022

Stromboli, Edesio si "divideva" anche con Venezia

17 marzo 2022

 La signora Maria "la mia cara paesana..."

20 marzo 2022

Giacomo Carduini, il Vescolo di Lipari dal 1489 al 1506, e il sangue di San Gennaro

8 LUGLIO 2022

Lipari, Il "sacco" visto dal pittore Charles Fouqueray (1869 - 1956)

24 luglio 2022

I buoi di Houël nella natura selvaggia delle isole

2 AGOSTO 2022

Charles Gore e le isole nel settecento

29 SETTEMBRE 2022

Lipari, Maria e Giovanni un amore violato

13 OTTOBRE 2022

Vulcano, Ludovico Sicardi tra i fumaroli nel 1922

1 NOVEMBRE 2022

Eolie, Emile Chaix tra l'Etna e le Isole nel 1890

4 NOVEMBRE 2022

Via Paolo Fabbri 43” cantata da Francesco Guccini

14 NOVEMBRE 2022

William Henry Smith e le sue carte

19 NOVEMBRE 2022

Aerei e vulcani futuristi visti dal pittore Giulio D'Anna

30 NOVEMBRE 2022

Le visioni vulcaniche di Hans Falk

7 DICEMBRE 2022

Riccardo Fainardi e la veduta dello Stromboli in eruzione

17 DICEMBRE 2022

Stromboli, l'eruzione del 30 agosto 1842 del pittore Jean-Charles-Joseph Rémond

27 dicembre 2022

Willem Schellinks e le vedute vulcaniche

2 GENNAIO 2023

Panarea, Bruno Munari e il museo immaginario

11 GENNAIO 2023

Lipari, Giovanni Ansaldo e il breve confino

16 gennaio 2023

Eolie, e San Cristoforo

26 GENNAIO 2023

Stromboli, Mura e le 14 anime erranti

17 febbraio 2023

Lipari, Richard Duppa nel resoconto del suo viaggio del primo ottocento

18 aprile 2023

La pittrice di Alidudi

21 MAGGIO 2023

 Alla scoperta del vulcano.

4 GIUGNO 2023

Eolie, Michele Lojacono Pojero e alcuni aspetti delle isole

14 giugno 2023

Il palcoscenico dell'immaginario e il fuoco

30 GIUGNO 2023

Ibn Jubayr, il viaggiatore arabo-andaluso e la meraviglia dei vulcani

14 LUGLIO 2023

Eolie, George Sandys e il viaggio del 1610

2 AGOSTO 2023

Il marchese Marie Joseph de Foresta-Collongue e le Eolie nel 1805

via-lattea.jpg