agevolazioni_bonus_pubblicità_2024.jpg

"Con il Notiziario delle Eolie Bonus pubblicità con credito d'imposta al 75%" 

Dettagli...

efiocvf.jpg

di Ennio Fiocco

John James e il viaggio da Boston alla Sicilia

L'americano John James partì da Boston il primo ottobre del 1816 con una coppia di amici con il piroscafo “Rossana” e giunse al porto di Palermo il 18 novembre del 1816. Visitò e descrisse solo in modo dettagliato quest'ultima città e l'Etna, mentre non approfondì nella sua ricerca gli altri territori. Il lavoro è pubblicato in un suo libro del 1820 dal titolo “Sketches of Travels in Sicily and France in a Series of Letters to a Friend in the United States”.

A James va riconosciuto indubbiamente il merito di essere tra i primi scrittori a far conoscere agli americani (che definisce comunità illuminata) le terre europee mediterranee a un quarantennio dalla guerra di indipendenza. Il volume è composto da lettere ed è dedicato al politico americano Stephen Van Rensselaer. Le pagine contengono una narrazione semplice di fatti e osservazioni, sotto forma di diario quotidiano. Argomenta lo scrittore che “Sebbene gli scrittori inglesi abbiano pubblicato molti volumi sull'Italia, è ancora auspicabile che i cittadini degli Stati Uniti dovrebbero fare le proprie osservazioni.

Mentre ci siamo resi indipendenti dalle altre nazioni, dovrebbe essere nostra ambizione formare le nostre opinioni, e non prendere in prestito le nostre idee sui costumi, sulla religione e varie istituzioni da paesi stranieri...”. “Quando siamo usciti in mare, il tempo è diventato più caldo, e fino al nostro arrivo nel Mediterraneo...in conseguenza di forti tempeste e venti contrari, non siamo riusciti a raggiungere le Azzorre...le montagne sembravano chiudersi intorno a noi...All'alba eravamo nel punto più stretto dello Stretto, e la Rocca di Gibilterra... e noi potevamo distinguere le mura bianche e le guglie della città di Algeciras, situata sul lato ovest della baia di Gibilterra. Queste furono le prime abitazioni umane in cui vedemmo Europa. Abbiamo guardato con gioia le prime tracce di umanità, e sentito la desolazione della solitudine dell'oceano improvvisamente alla fine. Siamo passati così vicino alla Rocca di Gibilterra.. mentre il Mediterraneo si espandeva davanti a noi, le alte montagne dell'Africa si allontanavano dalla nostra vista; a sinistra le cime nude e le rupi brulle di Andalusia si estendevano, in gigantesche creste...Siamo ormai in vista di Malaga e possiamo distinguere chiaramente, sopra la massa dei suoi edifici, la cupola della celebre cattedrale...

frontespizio.jpg

Abbiamo superato la Sardegna durante la notte. Quando ci siamo svegliati dal nostro riposo inconsolabile... due quaglie, quasi esaurite dal lungo volo, tentarono di trovare riparo come attracco, ma non riuscirono ad avere un saldo appoggio, tanto che furono spazzate in mare. Una balena si trovava intorno a noi, di un colore leggero come la tela delle nostre vele. Una tartaruga sembrava addormentata sull'acqua finché non le arrivammo molto vicino e tutti i preparativi necessari erano pronti per la sua cattura, quando la dormiente svanì, e con lei tutte le nostre speranze di una zuppa...Al tramonto eravamo di fronte a Capo Gallo, all'ingresso della baia di Palermo...c'è un'uniformità nel colore delle pareti, e un'aria di antichità e permanenza in ogni cosa, che ci ricorda che noi stanno vedendo i monumenti del vecchio mondo. Un gran numero di piccole imbarcazioni ci hanno circondato, offrendo arance, uva, fichi, fragole, melograni, e altri frutti deliziosi, oltre a provviste fresche.

Riceviamo tutte queste cose dalle mani di un vecchio siciliano, che è salito a bordo per condividere con noi qualunque cosa per la quarantena imposta dall’ufficiale sanitario...Il molo vicino al quale abbiamo ancorato è stato, durante la mattinata, ricoperto di gente! In maggioranza sono mendicanti. Alcuni ci hanno offerto i loro servizi in vari modi, altri ci propongono frutti e provviste... Nella conversazione usano molti gesti e hanno un'aria di singolare vivacità... Tra gli oziosi e i mendicanti osserviamo molti vecchi, miseramente cenciosi e sporchi. I barcaioli, che ci gridano continuamente attorno, hanno voci di eunuchi; un'ottava almeno più alta dei timbri vocali degli americani”.

Lo scrittore viaggiatore John James nella “Lettera XI” del suo libro, dopo aver percorso altre parti della Sicilia, visita - ma solo di passaggio - Messina e arriva alle Eolie nei primi giorni di gennaio del 1817. Così descrive il viaggio: “ Dopo aver superato Messina eravamo allarmati da una burrasca improvvisa e violenta. Il vento ha continuato per tutta la notte forte da ovest...alle sei il vento si calmò...siamo in vista adesso...delle isole Lipari...Vulcano e Stromboli lanciano volumi di fumo... Il nostro capitano siciliano, che è il nostro oracolo, Sig. Lombardo, afferma che il vulcano non è noto per fumare tanto quanto adesso, da molti anni, e non gli piace il suo presagio... siamo a dieci miglia dal vulcano...avvolto nel suo stesso fumo ! Tutte le isole Lipari sono di origine vulcanica. Lipari, la più grande, ha una città con lo stesso nome, e conta diecimila abitanti. Ora possiamo vedere questa città molto distintamente con il nostro piccolo telescopio navale...È stata localizzata la straordinaria fucina di Vulcano sotto queste isole. Il dio dei venti abitava a Æolea, ora in vista...possiamo scoprire case e villaggi.

Un terreno vulcanico è sempre fertile. Queste isole stanno bene sono note per produrre tutti i vari tipi di cereali e i frutti dei paesi vicini, sono nella massima bontà. Le uve sono superiori a quelli della Sicilia. Il clima è bello, invidiabile. Le isole Lipari.. sono dimore di pace e felicità...Siamo ora tra Stromboli e a piccole rocce nude, chiamate Isole Panara. Le spartite di tutte le isole sono molto ripide, ma queste masse isolate raggiungono una grande altezza e presentano un aspetto molto singolare. Uno sembra una nave all'ancora, un altro come una torre, un altro come un castello incantato... Lo Stromboli, l'unico vulcano attualmente in stato di attività, è anche il più alto delle isole Lipari... Il suo fumo si arriccia brevemente verso l'alto e poi cade in basso la vetta, formando una densa nube talmente bassa da non impedire la nostra visione del vulcano. Possiamo sentire distintamente l'esplosione che accompagna ogni emissione di fumo, sebbene non possiamo ancora percepire la fiamma...

Mentre ci avvicinavamo allo Stromboli, il cratere... divenne visibile... Prima che fosse ancora buio potevamo vedere la fiamma, e sentire le esplosioni a intervalli di otto o dieci minuti, somigliante al rapporto del cannone, o alle raffiche di moschetto; ogni lancio è accompagnato da una quantità di materia che viene gettata ad un'altezza immensa nel aria; poi rotola giù dal fianco della montagna e cade sibilando nell'oceano... Il capitano siciliano ritiene che questa sia l'abitazione del dannato....

Abbiamo avuto appena il tempo di mettere la nave pronta prima che il vento soffiasse per la presenza di un uragano, e ciò come verificato pienamente dalle previsioni del nostro comandante. La tempesta aumentò durante tutta la notte e abbiamo perso diverse piccole vele...Alle 6 del mattino la randa di prua e di poppa cedettero... la vela maestra di poppa fu strappata in mille pezzi... la perdita provocò notevole costernazione. In questo momento la fitta nebbia che ci aveva avvolto si diradò un po', e abbiamo scoperto che eravamo nel raggio di due miglia, e al sopravvento, delle Isole Panarea.

Paralizzati com'eravamo mi sembrava che fossimo in grave pericolo, soprattutto perché la nave non aveva ripreso il suo movimento regolare per la perdita della vela maestra; ma fortunatamente, la visione momentanea di queste piccole isole ci ha permesso di metterci al loro riparo; e con le altre isole Lipari, ci offrì rifugio durante gran parte della giornata. La tempesta..si calmò la sera e il vento cambiò...”. Molto interessanti appaiono le lettere dello scrittore americano contenute nella pubblicazione del 1820 in quanto ricche di particolari e di sfumature che sicuramente hanno fatto conoscere agli americani il Mediterraneo, le nostre isole e i vulcani. John James con il suo viaggio dalla lontana città di Boston è riuscito, credo, nel suo intento riappropriandosi di una identità nazionale americana in fase di espansione.

Porto di Boston.jpg

NOTIZIARIOEOLIE.IT

I DOCUMENTI STORICI IN ESCLUSIVA SUL NOTIZIARIO DELL'AVVOCATO ENNIO FIOCCO

31 OTTOBRE 2019

Andreas Achenbach e la visione dello Stromboli del 1844

1 NOVEMBRE 2019

Il viaggio di Lazzaro Spallanzani

9 NOVEMBRE 2019

Athanasius Kircher e lo Stromboli del 1600

16 NOVEMBRE 2019

Filicudi, Don Giovannino Lopes e la storia delle murene

28 DICEMBRE 2019

Cesarina Gualino e il soggiorno a Lipari nel 1931

12 MARZO 2020

Vulcano, Elisée Reclus il geografo anarchico

14 MARZO 2020

Lipari, Elisée Reclus nel 1865

27 MARZO 2020

Per gli altri documenti storici cliccare nel link leggi tutto

I Liparoti ritrovati. Il Punto e Virgola

2 APRILE 2020

Gli Eoliani di Ustica

6 APRILE 2020

Pellegro, il pittore genovese del primo seicento barocco e la tavola della Conversione di San Paolo

14 APRILE 2020

Per non dimenticare Irene Kowaliska

18 aprile 2020

La regina Eleonora D'Arborea e il suo falco

22 APRILE 2020

Robert Mertens e la lucertola delle Eolie in estinzione

6 MAGGIO 2020

Marcello Aliprandi e le bellezze di Vulcano

13 MAGGIO 2020

Gli angeli buoni tra cielo e immaginazione

18 maggio 2020

Filicudi, l'isola del naufragio

28 maggio 2020

Panarea, Uniti nella tempesta di Lisca Bianca

7 GIUGNO 2020

Alicudi, l'invidiabile beatitudine degli Isolani negli scritti di Lazzaro Spallanzani

16 giugno 2020

Alicudi vista da Alexandre Dumas nel 1835

22 giugno 2020

I Carabinieri alle isole Eolie

30 GIUGNO 2020

Sulle tracce degli Eoliani nell'America centrale del 1500

9 AGOSTO 2020

Sapori Arabi nella tradizione siciliana

25 AGOSTO 2020

Un grande cuore, una grande anima. Padre Agostino da Giardini (1914 + 1977)

21 SETTEMBRE 2020

Il mare visto da Renato Zero

1 OTTOBRE 2020

Coralli ed onde nel mare eoliano dall'antichità fino al viaggio dello Spallanzani

6 OTTOBRE 2020

Alla ricerca dei sapori perduti del mosto

15 OTTOBRE 2020

Le isole e il vento nella poesia di Bartolo Cattafi.

25 OTTOBRE 2020

I dimenticati. Le anime inquiete in cerca di Patria

3 NOVEMBRE 2020

Panarea, le riflessioni di Paul Thorel nell'amata isola

9 NOVEMBRE 2020

Cloe e la sua bambola di terracotta

28 FEBBRAIO 2021

Lipari, Nicola de Franco ed il suo schiavo nel 1491

2 APRILE 2021

Il mare in tempesta di Jean Epstein

20 APRILE 2021

Mitologia, Eolie e il grande Demis Roussos

16 giugno 2021

Licenze e Corsari

7 ottobre 2021

L'inferno degli Sterrati dell'isola di Vulcano (I figli di nessuno).

28 ottobre 2021

Eolie, Antoine de la Sale nel 1407

8 gennaio 2022

Stromboli, Edesio si "divideva" anche con Venezia

17 marzo 2022

 La signora Maria "la mia cara paesana..."

20 marzo 2022

Giacomo Carduini, il Vescolo di Lipari dal 1489 al 1506, e il sangue di San Gennaro

8 LUGLIO 2022

Lipari, Il "sacco" visto dal pittore Charles Fouqueray (1869 - 1956)

24 luglio 2022

I buoi di Houël nella natura selvaggia delle isole

2 AGOSTO 2022

Charles Gore e le isole nel settecento

29 SETTEMBRE 2022

Lipari, Maria e Giovanni un amore violato

13 OTTOBRE 2022

Vulcano, Ludovico Sicardi tra i fumaroli nel 1922

1 NOVEMBRE 2022

Eolie, Emile Chaix tra l'Etna e le Isole nel 1890

4 NOVEMBRE 2022

Via Paolo Fabbri 43” cantata da Francesco Guccini

14 NOVEMBRE 2022

William Henry Smith e le sue carte

19 NOVEMBRE 2022

Aerei e vulcani futuristi visti dal pittore Giulio D'Anna

30 NOVEMBRE 2022

Le visioni vulcaniche di Hans Falk

7 DICEMBRE 2022

Riccardo Fainardi e la veduta dello Stromboli in eruzione

17 DICEMBRE 2022

Stromboli, l'eruzione del 30 agosto 1842 del pittore Jean-Charles-Joseph Rémond

27 dicembre 2022

Willem Schellinks e le vedute vulcaniche

2 GENNAIO 2023

Panarea, Bruno Munari e il museo immaginario

11 GENNAIO 2023

Lipari, Giovanni Ansaldo e il breve confino

16 gennaio 2023

Eolie, e San Cristoforo

26 GENNAIO 2023

Stromboli, Mura e le 14 anime erranti

17 febbraio 2023

Lipari, Richard Duppa nel resoconto del suo viaggio del primo ottocento

18 aprile 2023

La pittrice di Alidudi

21 MAGGIO 2023

 Alla scoperta del vulcano.

4 GIUGNO 2023

Eolie, Michele Lojacono Pojero e alcuni aspetti delle isole

14 giugno 2023

Il palcoscenico dell'immaginario e il fuoco

30 GIUGNO 2023

Ibn Jubayr, il viaggiatore arabo-andaluso e la meraviglia dei vulcani

14 LUGLIO 2023

Eolie, George Sandys e il viaggio del 1610

2 AGOSTO 2023

Il marchese Marie Joseph de Foresta-Collongue e le Eolie nel 1805

22 agosto 2023

Eolie, Strabone il geografo...

29 AGOSTO 2023

Eolie, Denis-Dominique Farjasse e le osservazioni sul carattere degli abitanti degli anni trenta del 1800...

9 SETTEMBRE 2023

Jeannette Villepreux- Power, una donna straordinaria nella Sicilia del primo ottocento

18 SETTEMBRE 2023

Eolie, usi e costumi di fine ottocento

28 SETTEMBRE 2023

 Eolie, le giovani ragazze isolane viste dal conte Jan Michal de Borch

1 OTTOBRE 2023

Ruy Gonzalez de Clavijo nel viaggio per Samarcanda

13 OTTOBRE 2023

ESCLUSIVO. Autunno “83 tra il vulcano e la libertà. Il sequestro di Elena Luisi...

25 OTTOBRE 2023

 La scalata infuocata

31 OTTOBRE 2023

Leandro Alberti, il frate domenicano da conoscere

5 novembre 2023

Il vulcano visitato da Johann Georg Arnold Jacobi nel luglio del 1792

castalia17.jpg