efiocvf.jpg

di Ennio Fiocco

Il sommergibile “Pier Capponi” è stato un fiore all'occhiello della marina militare italiana. E' stato varato nel cantiere Tosi di Taranto nel 1927 con una lunghezza di 64,40 metri ed era munito di 10 siluri (6 a prora e 4 a poppa). Allo scoppio della seconda guerra l'unita era comandata dal tenente Romeo Romei e dislocata a Messina nella 31^ Squadriglia del III Gruppo e compì diverse missioni importanti. In particolare, il sommergibile, dopo aver compiuto ben molteplici missioni offensive a sud di Malta, il 31 marzo 1941 si trovava in navigazione di trasferimento da Messina alla Spezia per essere posto in disarmo, quando improvvisamente fu attaccato a circa 17 miglia a sud di Stromboli, dal sommergibile britannico Rorqual che lo colpì provocando l'affondamento dell'unità e la perdita dell'intero equipaggio, composto in totale da 38 uomini. Il trentacinquenne comandante Romeo Romei era uscito dall’Accademia con il grado di Guardiamarina nel giro di solo un anno, e divenne ufficiale di rotta dell’incrociatore Trieste nonché sottotenente di vascello. In particolare, affascinato dalle unità navali che agivano sotto il pelo dell’acqua, chiese di essere assegnato ai sommergibili, tanto che gli venne affidato il prestigioso “Perla”, un sottomarino leggendario che girò praticamente tutto il mondo, dall’Africa nera alla Somalia, per l’India e andare poi a compiere missioni in Spagna e nel Mediterraneo.

Pier Capponi.jpeg

Nella penisola ispanica ci sarà la sua consacrazione eroica. Allo scoppio della guerra nel 1940 fu chiamato a Tobruk sulle coste libiche dove vi era un’importante base navale italiana pronta a mettere in mare le sue forze per difendere il Mare Nostrum dagli Inglesi e gli venne assegnato il sommergibile Pier Capponi. Romei in importanti missioni con una sua particolare strategia, riuscì ad attaccare cacciartopedinieri e portaerei, tanto da essere chiamato “il corsaro degli abissi”. Era divenuto in sostanza una leggenda per le potenze dell’Asse, ma sicuramente una maledizione per gli Alleati, tanto che inglesi riuscirono ad annientarlo. Il 31 marzo del 1941 il sommergibile Pier Capponi veniva silurato e affondato dal sommergibile HMS Rorqual a sud dell'isola di Stromboli. Il sommergibile Rorqual che lo attaccò venne costruito nel 1935 presso i cantieri Vickers Armstrong e al cui comando vi era Ronald Hugh Dewhurst (1905 +1990).

Pier Capponi rientro da missione.JPG

Ricostruendo la vicenda emerge che il Pier Capponi era partito da Messina alle ore 11 del giorno 31 marzo, tanto che il semaforo di Punta Faro aveva registrato il suo passaggio. Poi non si era saputo più nulla. Dal rapporto di missione del Comandante del Rorqual si evince che “Lunedì 31 marzo 1941 il mare era calmo...rilevamento...13,39 Avvistato... identificato per un sommergibile italiano e iniziammo l'attacco... lanciata una salva di 5 siluri...lancio a intervalli di 5 secondi... 55 secondi dopo il sommergibile fu colpito sotto la torretta, 5 secondi più tardi fu colpito ancora nella parte posteriore provocando una violenta e doppia esplosione che potrebbe essere stata causata da due siluri in rapida successione o dal secondo siluro provocando l'esplosione dei siluri del sommergibile colpito. La prua del sommergibile rimase in vista per pochi secondi con una inclinazione di 60 gradi in alto. Il resto del sommergibile fu disintegrato in una nube di fumo marrone.

Romeo Romei.jpg

E' improbabile che ci fossero superstiti. Ci immergemmo per 20 minuti come precauzione contro un attacco aereo... esauriti i siluri procediamo per lasciare la zona di agguato”. L'anziano comandante Dewhurst del Rorqual in un suo scritto così ricordava dell'episodio: “i particolari sono ancora vivi nella mia memoria e posso chiarire più ampiamente...ero in missione nello Stretto di Messina a circa dieci miglia a nord della città. Ero stato avvertito che importanti forze navali italiane erano attese in mattinata nella zona a nord dello stretto ma nessun segno di queste apparve all'orizzonte...Il tempo era bello e il mare era molto calmo quasi uno specchio rendendo l'attacco difficile.

il comandante inglese.jpg

Lanciai cinque siluri a circa novecento metri di distanza cui fecero seguito tre esplosioni. A causa delle condizioni del mare presi la speciale precauzione di evitare l'emersione per cui non mi fu possibile vedere i siluri colpire il bersaglio. Ma quando risalii a quota periscopica circa un minuto tardi, vidi soltanto una coltre di fumo. Io continuai ad avvicinarmi al luogo dell'affondamento ma non vidi alcun segno di vita. Non posso dare maggiori particolari sull'affondamento del sommergibile perché due cacciatorpedinieri mossero contro di me per affondarmi”. I 38 uomini del sommergibile Pier Capponi sono i nostri grandi eroi assieme ai caduti di tutte le guerre.

NOTIZIARIOEOLIE.IT

1 GENNAIO 2024

Jacques Callot tra San Marco d'Alunzio e le Eolie

Per gli altri documenti storici cliccare nel link leggi tutto

images/banners/immagini_random/via-lattea.jpg

2 APRILE 2020

Gli Eoliani di Ustica

6 APRILE 2020

Pellegro, il pittore genovese del primo seicento barocco e la tavola della Conversione di San Paolo

14 APRILE 2020

Per non dimenticare Irene Kowaliska

18 aprile 2020

La regina Eleonora D'Arborea e il suo falco

22 APRILE 2020

Robert Mertens e la lucertola delle Eolie in estinzione

6 MAGGIO 2020

Marcello Aliprandi e le bellezze di Vulcano

13 MAGGIO 2020

Gli angeli buoni tra cielo e immaginazione

18 maggio 2020

Filicudi, l'isola del naufragio

28 maggio 2020

Panarea, Uniti nella tempesta di Lisca Bianca

7 GIUGNO 2020

Alicudi, l'invidiabile beatitudine degli Isolani negli scritti di Lazzaro Spallanzani

16 giugno 2020

Alicudi vista da Alexandre Dumas nel 1835

22 giugno 2020

I Carabinieri alle isole Eolie

30 GIUGNO 2020

Sulle tracce degli Eoliani nell'America centrale del 1500

9 AGOSTO 2020

Sapori Arabi nella tradizione siciliana

25 AGOSTO 2020

Un grande cuore, una grande anima. Padre Agostino da Giardini (1914 + 1977)

21 SETTEMBRE 2020

Il mare visto da Renato Zero

1 OTTOBRE 2020

Coralli ed onde nel mare eoliano dall'antichità fino al viaggio dello Spallanzani

6 OTTOBRE 2020

Alla ricerca dei sapori perduti del mosto

15 OTTOBRE 2020

Le isole e il vento nella poesia di Bartolo Cattafi.

25 OTTOBRE 2020

I dimenticati. Le anime inquiete in cerca di Patria

3 NOVEMBRE 2020

Panarea, le riflessioni di Paul Thorel nell'amata isola

9 NOVEMBRE 2020

Cloe e la sua bambola di terracotta

28 FEBBRAIO 2021

Lipari, Nicola de Franco ed il suo schiavo nel 1491

2 APRILE 2021

Il mare in tempesta di Jean Epstein

20 APRILE 2021

Mitologia, Eolie e il grande Demis Roussos

16 giugno 2021

Licenze e Corsari

7 ottobre 2021

L'inferno degli Sterrati dell'isola di Vulcano (I figli di nessuno).

28 ottobre 2021

Eolie, Antoine de la Sale nel 1407

8 gennaio 2022

Stromboli, Edesio si "divideva" anche con Venezia

17 marzo 2022

 La signora Maria "la mia cara paesana..."

20 marzo 2022

Giacomo Carduini, il Vescolo di Lipari dal 1489 al 1506, e il sangue di San Gennaro

8 LUGLIO 2022

Lipari, Il "sacco" visto dal pittore Charles Fouqueray (1869 - 1956)

24 luglio 2022

I buoi di Houël nella natura selvaggia delle isole

2 AGOSTO 2022

Charles Gore e le isole nel settecento

29 SETTEMBRE 2022

Lipari, Maria e Giovanni un amore violato

13 OTTOBRE 2022

Vulcano, Ludovico Sicardi tra i fumaroli nel 1922

1 NOVEMBRE 2022

Eolie, Emile Chaix tra l'Etna e le Isole nel 1890

4 NOVEMBRE 2022

Via Paolo Fabbri 43” cantata da Francesco Guccini

14 NOVEMBRE 2022

William Henry Smith e le sue carte

19 NOVEMBRE 2022

Aerei e vulcani futuristi visti dal pittore Giulio D'Anna

30 NOVEMBRE 2022

Le visioni vulcaniche di Hans Falk

7 DICEMBRE 2022

Riccardo Fainardi e la veduta dello Stromboli in eruzione

17 DICEMBRE 2022

Stromboli, l'eruzione del 30 agosto 1842 del pittore Jean-Charles-Joseph Rémond

27 dicembre 2022

Willem Schellinks e le vedute vulcaniche

2 GENNAIO 2023

Panarea, Bruno Munari e il museo immaginario

11 GENNAIO 2023

Lipari, Giovanni Ansaldo e il breve confino

16 gennaio 2023

Eolie, e San Cristoforo

26 GENNAIO 2023

Stromboli, Mura e le 14 anime erranti

17 febbraio 2023

Lipari, Richard Duppa nel resoconto del suo viaggio del primo ottocento

18 aprile 2023

La pittrice di Alidudi

21 MAGGIO 2023

 Alla scoperta del vulcano.

4 GIUGNO 2023

Eolie, Michele Lojacono Pojero e alcuni aspetti delle isole

14 giugno 2023

Il palcoscenico dell'immaginario e il fuoco

30 GIUGNO 2023

Ibn Jubayr, il viaggiatore arabo-andaluso e la meraviglia dei vulcani

14 LUGLIO 2023

Eolie, George Sandys e il viaggio del 1610

2 AGOSTO 2023

Il marchese Marie Joseph de Foresta-Collongue e le Eolie nel 1805

22 agosto 2023

Eolie, Strabone il geografo...

29 AGOSTO 2023

Eolie, Denis-Dominique Farjasse e le osservazioni sul carattere degli abitanti degli anni trenta del 1800...

9 SETTEMBRE 2023

Jeannette Villepreux- Power, una donna straordinaria nella Sicilia del primo ottocento

18 SETTEMBRE 2023

Eolie, usi e costumi di fine ottocento

28 SETTEMBRE 2023

 Eolie, le giovani ragazze isolane viste dal conte Jan Michal de Borch

1 OTTOBRE 2023

Ruy Gonzalez de Clavijo nel viaggio per Samarcanda

13 OTTOBRE 2023

ESCLUSIVO. Autunno “83 tra il vulcano e la libertà. Il sequestro di Elena Luisi...

25 OTTOBRE 2023

 La scalata infuocata

31 OTTOBRE 2023

Leandro Alberti, il frate domenicano da conoscere

5 novembre 2023

Il vulcano visitato da Johann Georg Arnold Jacobi nel luglio del 1792

11 novembre 2023

John James e il viaggio da Boston alla Sicilia

19 novembre 2023

Vulcano, Gaston Vuillier: il gallo di Don Santo e la maledetta terra 

24 novembre 2023

Vulcano, nella pubblicazione partenopea del 1829

2 dicembre 2023

Il Vicerè di Sicilia duca di Uceda e i Liparesi armati

26 DICEMBRE 2023

Guy De Maupassant e i colori delle isole

6 GENNAIO 2024

Edmondo De Amicis e la sua amata Sicilia

14 GENNAIO 2024

Giorgio Roster tra scienza e fotografia

21 GENNAIO 2024

Karl Gotthard Grass tra Brolo e Vulcano

27  GENNAIO 2024

George Russell nel suo giro attraverso la Sicilia del 1815

3 FEBBRAIO 2024

Giuseppe Sciuti il pittore dei vulcani

salus-720x140.jpg