Eventi e Comunicazioni

agevolazioni_bonus_pubblicità_2024.jpg

"Con il Notiziario delle Eolie Bonus pubblicità con credito d'imposta al 75%" 

Dettagli...

efiocvf.jpg

di Ennio Fiocco

George Russell nel suo giro attraverso la Sicilia del 1815.

George Russell faceva parte dell'Office of Works di Sua Maestà Giorgio IV. Pubblica a Londra un volume dal titolo “A Tour through Sicily in the Year 1815” e cioè “Un giro attraverso la Sicilia nell'anno 1815”. Nella prefazione l'autore dichiara che il motivo del viaggio era la ricerca di un clima migliore che favorisse il suo benessere come una giustificazione non insolita tra chi ha problemi di salute, tanto per concedersi un po' di turismo sanitario. Era molto legato alla sua professione di funzionario di alto rango nell'“ufficio delle opere” dei beni privati dei regnanti inglesi. L'opera è accompagnata da diciotto piani e vedute siciliane.

Le Lipari nel 1815.jpg

 

Afferma che “Il tranquillo mormorio del mare vicino, e le deliziose brezze che invariabilmente aleggiano durante la sera sulla sua superficie - il continuo gorgheggio dei melodiosi usignoli, le cui note divine ravvivano questo incantevole giardino - la ricca varietà di arbusti aromatici e i fiori, la cui deliziosa essenza è diffusa dal gentile zefiro attraverso l'atmosfera circostante - e più in particolare le interessanti e adorabili donne siciliane che abbellivano questa affascinante Flora , - tutti insieme, tendono ad ispirare coloro che visitano questo paradiso terrestre…”.

All'epoca l'Inghilterra aveva interessi politici e commerciali sulla Sicilia, tra cui il monopolio dell'esportazione dei vini e dello zolfo, tanto che a Messina vi era una consistente comunità. Il Russell visita le più importanti città, tra cui Messina che deve lasciare il 13 giugno del 1815 “con molta riluttanza” e arriva a Milazzo (che definisce la Gibilterra della Sicilia) prima del tramonto e vi resta fino al giovedì. “Il passaggio dalla Sicilia alle isole Lipari, con partenza da Milazzo, ne occupa solo poche ore in cui il vento è favorevole...

422423572_10229287584447657_8077833033008169048_n.jpg

 

Queste isole, dai vari fenomeni che esse presenti, meritano senza dubbio l'attenzione non solo del viaggiatore curioso, ma del naturalista scientifico... Avvicinandosi alle isole Lipari presentano un aspetto austero e minaccioso. Esse sono undici di numero e sono chiamate come segue: Lipari, Vulcano, Salini, Panaria, Basiluzzo, Lisca-nera, Lisca-bianca, Dattolo, Stromboli, Alicuda e Felicuda”. Ci parla di Dolomieu che le aveva descritte e visitate circa quarant'anni prima. Descrive Vulcano e Vulcanello con “Il declivio della montagna che è molto grande ed è tutta coperta con ceneri sciolte, che rendono l'accesso a suo vertice più difficile di quello sperimentato nella salita al maestoso Etna.

Il cratere di questo vulcano non occupa esattamente il centro del cono; è posto a poco verso sud, e prima di raggiungere la vetta c'è una zona pianeggiante a circa sessanta passi larghi, in cui ci sono molte aperture che comunicare direttamente con il suo interno. Le cavità sono rivestite di zolfo per dare sfogo ad un flusso di bianco, denso di fumo soffocante... Da questa zona pianeggiante parte un sentiero che porta alla bocca del più magnifico, o piuttosto il cratere più terrificante...Nelle immediate vicinanze di quest'isola… dove si effettuava lo sbarco, bolle d'aria continue sorgono dal mare...

Mappa della Sicila del 1810.jpg

 

Lipari si trova a circa un miglio a nord-est di Vulcano...circa trecento piedi sopra queste stufe si trova una sorgente d'acqua, il cui calore è grandissimo, ... l'oggetto principale dell'economia rurale tra gli abitanti è la coltivazione del terreno a questo scopo è il più redditizio a loro: richiedono considerevoli attenzioni, e sono sostenuti da un traliccio o leggera struttura a listelli, con sommità piana o tetto a circa tre metri da terra. A questo traliccio le viti attaccano e intrecciano i loro rami, e, dall'aria che circola così liberamente, non solo viene loro impedito il decadimento precoce, ma sono parimenti preservati dall'umidità: questo modo di cultura aiuta materialmente l'uva appesa per un tempo sufficiente ad arrivare a piena maturità. Gli abitanti di Lipari fanno diversi tipi di vino, tutti di ottima qualità, soprattutto uno chiamato Malvasia...

I prodotti del la maggior parte dei vigneti è però riservata per la frutta secca, detta uva passa...e il metodo adottato per questo scopo, è quello di posizionare le uve, quando sono maturate, in una giacitura alcalina di ceneri, più o meno impregnato di sale, secondo la maturità dell'uva, e quindi, allo scopo di un'essiccazione più efficace a cui sono esposti al sole meridiano... Il frutto utilizzato per questo scopo è di due tipi...La popolazione dell'isola ammonta a quasi quattordicimila persone..non appare bella il posto nel suo aspetto, estremamente mal costruito e situato vicino al mare, sul promontorio omonimo ,che è singolarmente e fortemente fortificato dalla sua propria posizione naturale.

A circa due miglia a nord-ovest di Lipari si trova l'isola dei Salina...sulla vetta dei monti, tuttavia sono ancora visibili tracce di crateri, come nonché varie correnti di lava... Dalla vetta della montagna più alta di Salina si possono distinguere chiaramente altri due isole, Alicudi e Felicudi...”. Descrive poi anche Panarea, Basiluzzo, Lisca-bianca, Lisca-nera e Dattolo e ne redige una rappresentazione. “L'unica parte dell'isola Panarea che è abitata è posta a valle ed è estremamente fertile ed è abitata da circa trecento persone, la cui unica occupazione consiste nella cultura della vite e del cotone. Stromboli è situata a nord-est della altre isole... il Sig. Dolomieu arrivò nelle vicinanze durante il silenzio e l'oscurità della notte, che gli ha permesso di godere pienamente di questo superbo spettacolo della natura.

Possiamo osservare questi fenomeni in quanto il nostro brigantino rimase in bonaccia per due giorni...contemplando questo meraviglioso e fenomeno interessante. ...presumiamo di offrirne una descrizione di una scena bellissima e allo stesso tempo fantastica” Parla dello Stromboli dove viene praticata la coltivazione di piante da frutta e cotone “però costantemente esposta alle eruzioni... mantiene un'attività incessante, ed il modo delle sue esplosioni non ha alcuna somiglianza con altri vulcani...le eruzioni...le pietre emesse da questo vulcano, se visto di notte, sono di un rosso brillante e vivace”. Dopo aver trascorso la seconda notte nelle vicinanze dello Stromboli e nel momento in cui “soffiava una brezza favorevole” George Russell con il suo brigantino termina il suo giro attraverso la Sicilia del 1815 proseguendo per il rientro in direzione del golfo di Salerno.

 

NOTIZIARIOEOLIE.IT

1 GENNAIO 2024

Jacques Callot tra San Marco d'Alunzio e le Eolie

Per gli altri documenti storici cliccare nel link leggi tutto

images/banners/immagini_random/via-lattea.jpg

2 APRILE 2020

Gli Eoliani di Ustica

6 APRILE 2020

Pellegro, il pittore genovese del primo seicento barocco e la tavola della Conversione di San Paolo

14 APRILE 2020

Per non dimenticare Irene Kowaliska

18 aprile 2020

La regina Eleonora D'Arborea e il suo falco

22 APRILE 2020

Robert Mertens e la lucertola delle Eolie in estinzione

6 MAGGIO 2020

Marcello Aliprandi e le bellezze di Vulcano

13 MAGGIO 2020

Gli angeli buoni tra cielo e immaginazione

18 maggio 2020

Filicudi, l'isola del naufragio

28 maggio 2020

Panarea, Uniti nella tempesta di Lisca Bianca

7 GIUGNO 2020

Alicudi, l'invidiabile beatitudine degli Isolani negli scritti di Lazzaro Spallanzani

16 giugno 2020

Alicudi vista da Alexandre Dumas nel 1835

22 giugno 2020

I Carabinieri alle isole Eolie

30 GIUGNO 2020

Sulle tracce degli Eoliani nell'America centrale del 1500

9 AGOSTO 2020

Sapori Arabi nella tradizione siciliana

25 AGOSTO 2020

Un grande cuore, una grande anima. Padre Agostino da Giardini (1914 + 1977)

21 SETTEMBRE 2020

Il mare visto da Renato Zero

1 OTTOBRE 2020

Coralli ed onde nel mare eoliano dall'antichità fino al viaggio dello Spallanzani

6 OTTOBRE 2020

Alla ricerca dei sapori perduti del mosto

15 OTTOBRE 2020

Le isole e il vento nella poesia di Bartolo Cattafi.

25 OTTOBRE 2020

I dimenticati. Le anime inquiete in cerca di Patria

3 NOVEMBRE 2020

Panarea, le riflessioni di Paul Thorel nell'amata isola

9 NOVEMBRE 2020

Cloe e la sua bambola di terracotta

28 FEBBRAIO 2021

Lipari, Nicola de Franco ed il suo schiavo nel 1491

2 APRILE 2021

Il mare in tempesta di Jean Epstein

20 APRILE 2021

Mitologia, Eolie e il grande Demis Roussos

16 giugno 2021

Licenze e Corsari

7 ottobre 2021

L'inferno degli Sterrati dell'isola di Vulcano (I figli di nessuno).

28 ottobre 2021

Eolie, Antoine de la Sale nel 1407

8 gennaio 2022

Stromboli, Edesio si "divideva" anche con Venezia

17 marzo 2022

 La signora Maria "la mia cara paesana..."

20 marzo 2022

Giacomo Carduini, il Vescolo di Lipari dal 1489 al 1506, e il sangue di San Gennaro

8 LUGLIO 2022

Lipari, Il "sacco" visto dal pittore Charles Fouqueray (1869 - 1956)

24 luglio 2022

I buoi di Houël nella natura selvaggia delle isole

2 AGOSTO 2022

Charles Gore e le isole nel settecento

29 SETTEMBRE 2022

Lipari, Maria e Giovanni un amore violato

13 OTTOBRE 2022

Vulcano, Ludovico Sicardi tra i fumaroli nel 1922

1 NOVEMBRE 2022

Eolie, Emile Chaix tra l'Etna e le Isole nel 1890

4 NOVEMBRE 2022

Via Paolo Fabbri 43” cantata da Francesco Guccini

14 NOVEMBRE 2022

William Henry Smith e le sue carte

19 NOVEMBRE 2022

Aerei e vulcani futuristi visti dal pittore Giulio D'Anna

30 NOVEMBRE 2022

Le visioni vulcaniche di Hans Falk

7 DICEMBRE 2022

Riccardo Fainardi e la veduta dello Stromboli in eruzione

17 DICEMBRE 2022

Stromboli, l'eruzione del 30 agosto 1842 del pittore Jean-Charles-Joseph Rémond

27 dicembre 2022

Willem Schellinks e le vedute vulcaniche

2 GENNAIO 2023

Panarea, Bruno Munari e il museo immaginario

11 GENNAIO 2023

Lipari, Giovanni Ansaldo e il breve confino

16 gennaio 2023

Eolie, e San Cristoforo

26 GENNAIO 2023

Stromboli, Mura e le 14 anime erranti

17 febbraio 2023

Lipari, Richard Duppa nel resoconto del suo viaggio del primo ottocento

18 aprile 2023

La pittrice di Alidudi

21 MAGGIO 2023

 Alla scoperta del vulcano.

4 GIUGNO 2023

Eolie, Michele Lojacono Pojero e alcuni aspetti delle isole

14 giugno 2023

Il palcoscenico dell'immaginario e il fuoco

30 GIUGNO 2023

Ibn Jubayr, il viaggiatore arabo-andaluso e la meraviglia dei vulcani

14 LUGLIO 2023

Eolie, George Sandys e il viaggio del 1610

2 AGOSTO 2023

Il marchese Marie Joseph de Foresta-Collongue e le Eolie nel 1805

22 agosto 2023

Eolie, Strabone il geografo...

29 AGOSTO 2023

Eolie, Denis-Dominique Farjasse e le osservazioni sul carattere degli abitanti degli anni trenta del 1800...

9 SETTEMBRE 2023

Jeannette Villepreux- Power, una donna straordinaria nella Sicilia del primo ottocento

18 SETTEMBRE 2023

Eolie, usi e costumi di fine ottocento

28 SETTEMBRE 2023

 Eolie, le giovani ragazze isolane viste dal conte Jan Michal de Borch

1 OTTOBRE 2023

Ruy Gonzalez de Clavijo nel viaggio per Samarcanda

13 OTTOBRE 2023

ESCLUSIVO. Autunno “83 tra il vulcano e la libertà. Il sequestro di Elena Luisi...

25 OTTOBRE 2023

 La scalata infuocata

31 OTTOBRE 2023

Leandro Alberti, il frate domenicano da conoscere

5 novembre 2023

Il vulcano visitato da Johann Georg Arnold Jacobi nel luglio del 1792

11 novembre 2023

John James e il viaggio da Boston alla Sicilia

19 novembre 2023

Vulcano, Gaston Vuillier: il gallo di Don Santo e la maledetta terra 

24 novembre 2023

Vulcano, nella pubblicazione partenopea del 1829

2 dicembre 2023

Il Vicerè di Sicilia duca di Uceda e i Liparesi armati

26 DICEMBRE 2023

Guy De Maupassant e i colori delle isole

6 GENNAIO 2024

Edmondo De Amicis e la sua amata Sicilia

14 GENNAIO 2024

Giorgio Roster tra scienza e fotografia

21 GENNAIO 2024

Karl Gotthard Grass tra Brolo e Vulcano

banner_notiziario_cst.jpg