efiocvf.jpg

di Ennio Fiocco

Il principe Paternò Castello e il viaggio in Sicilia.

Ignazio Paternò Castello principe di Biscari (1719 + 1786), con la sua eredità di cultura e di patrimonio monumentale resta il personaggio più prestigioso della nobiltà siciliana del XVIII secolo. E' stato un punto di riferimento per i grandi viaggiatori del tempo, tra cui i giovani del Gand Tour, che ne celebrarono nei loro scritti le lodi per le doti di cultura e di mecenatismo. Nella sua opera “Viaggio per tutte le antichità della Sicilia”, pubblicata a Napoli nel 1781, invita i ben colti stranieri ad “intraprendete con animo ilare il viaggio della Sicilia...Vi aspetta l’Etna, curiosi Indagatori della natura, per farvi ammirare da vicino i portentosi effetti de’ suoi stupendi fenomeni... Venite, o Ammiratori della veneranda antichità, che ben soddisfatto reitera il vostro erudito genio, in osservare la Sicilia tutta sparsa, ed adorna delle più rispettabili vetuste magnificenze, testimonio ben chiaro di sua antica opulenza...”.

Ignazio-Paterno-Copertina.jpg

Inizia dalla città di Messina e percorre la Sicilia nell'intera bellezza parlando di Catania, Siracusa, dell'entroterra, fino ad arrivare a Palermo, e poi viaggia sui paesi della costa tirrenica da Tusa a Tindari. Si dirige a Milazzo che è “l’ultimo oggetto, che abbia trattenuto la curiosità del Viaggiatore. In questo luogo potrà egli pigliare le sue misure per ricondursi in Italia, e potrà trovare non rare le occasioni di sicure navi, che lo trasportino”. Il Paternò Castello, alla fine del suo libro, ci parla delle isole e cioè “di non tralasciar di visitare nel suo passaggio l’Isola di Lipari, la più grande tra l’Eolie: essendo stata questa molto celebre un giorno per l’antichissima sua popolazione, sino dai tempi favolosi....

Sono fruttiferi assai i suoi terreni, e saporitissimi i suoi prodotti...ebbe salutari Bagni, e molto frequentati, distanti da circa sei miglia dalla Città, ove ancora persistono non piccioli pezzi delle sue antiche fabbriche. Grandissimi guadagni trasse Lipari dalle miniere di Allume...Il sito antico ancor oggi occupa la Città di Lipari, ov’è la Fortezza, e circondata di buone mura, tra le quali restano racchiusi il Vescovato colla sua Cattedrale, la Casa pubblica, e del Governo, e non poche altre case de’ principali; non essendo capace della maggiore popolazione, la quale fuori l’antica porta abita un gran borgo, stendendosi sino al mare.

Maggiore sarebbe la sua popolazione, se nel 1544 non fosse stata saccheggiata dal Pirata Ariadeno Barbarossa, che la lasciò affatto deserta, conducendo in schiavitù tutti quegli abitatori, che non potettero colla fuga sottrarsene; ma quei, che ebbero la sorte di scampare da tale sciagura, ritornando, la ripopolarono coll’ajuto di Carlo V., che vi mandò una Colonia di Spagnuoli, ed accrebbe le sue fortificazioni.

Quivi trovandosi il Viaggiatore, gli verrà forse il desiderio di esaminare le vicine Isolette...l’Isoletta di Vulcano, chiamata anticamente Jera dai Greci...Arde quasi continuamente quest’Isola, o almeno manda densissimo fumo. Altra picciola Isoletta, o Scoglio, chiamato Volcanello, era diviso dal Vulcano per uno strettissimo canale di mare, oggi chiuso dalle ceneri del Vulcano medesimo...La quarta è l’Isola delle Saline, chiamata Thermisia, per le salutari acque Termali, molto un tempo frequentata...

Produce assai vino, ed allume...Panaria è la quinta...ha un comodissimo Porto, in cui si osservano ancora i vestigj di rovinata Torre. Per lo stesso vento, ed in simile distanza da Lipari sorge la VI picciola Isoletta, chiamata Liscia Bianca. Non ha che un sol miglio di giro, ma ancorché così picciola, mostra essere stata anticamente abitata; essendovi nel centro di essa una esistente antica cisterna, che raccoglieva le acque piovane per comodo degli abitanti; vedendosi ancora non pochi vestigj di destrutti edificj. L’Isoletta chiamata Basiluzzo siede dalla parte di Levante, dieci miglia lontana da Lipari, e contiene ottimi terreni nel suo brieve giro di due miglia. Ancora conserva l’antico nome l’Isola di Stromboli, come la chiamò Strabone, e Tolomeo...

Questa ha un Vulcano, che quasi continuamente manda fuoco, e serve di scorta ai naviganti in tempo di notte. La quantità delle pietre gettate da questo Vulcano, ha coperta, e resa sterile una parte dell’Isola; ma il resto de’ terreni è fertile, e coperto d’alberi: e i Liparoti ne traggono non poco profitto col seminar del cottone....”.

Lo scrittore accenna anche a Filicudi ed Alicudi e, infine, invita il Viaggiatore a visitarle “perché costituivano il Regno di Eolo, dai favolosi Poeti creduto il Re de’ venti. Visitate ancora queste, come una parte adjacente alla Sicilia, soddisfatto il Viaggiatore salpi felicemente pe’l suo destino: e su l’alto mare volgendo lo sguardo verso di essa, perdendola a poco a poco di vista, porti con se la memoria della sua Guida, che così fedelmente lo ha condotto, ed assistito”. L'opera può essere considerata come una funzione educativa-esplorativa del viaggio, in un’interazione dinamica tra ragione e passione.

1BGH.jpg

NOTIZIARIOEOLIE.IT

1 GENNAIO 2024

Jacques Callot tra San Marco d'Alunzio e le Eolie

Per gli altri documenti storici cliccare nel link leggi tutto

images/banners/immagini_random/via-lattea.jpg

2 APRILE 2020

Gli Eoliani di Ustica

6 APRILE 2020

Pellegro, il pittore genovese del primo seicento barocco e la tavola della Conversione di San Paolo

14 APRILE 2020

Per non dimenticare Irene Kowaliska

18 aprile 2020

La regina Eleonora D'Arborea e il suo falco

22 APRILE 2020

Robert Mertens e la lucertola delle Eolie in estinzione

6 MAGGIO 2020

Marcello Aliprandi e le bellezze di Vulcano

13 MAGGIO 2020

Gli angeli buoni tra cielo e immaginazione

18 maggio 2020

Filicudi, l'isola del naufragio

28 maggio 2020

Panarea, Uniti nella tempesta di Lisca Bianca

7 GIUGNO 2020

Alicudi, l'invidiabile beatitudine degli Isolani negli scritti di Lazzaro Spallanzani

16 giugno 2020

Alicudi vista da Alexandre Dumas nel 1835

22 giugno 2020

I Carabinieri alle isole Eolie

30 GIUGNO 2020

Sulle tracce degli Eoliani nell'America centrale del 1500

9 AGOSTO 2020

Sapori Arabi nella tradizione siciliana

25 AGOSTO 2020

Un grande cuore, una grande anima. Padre Agostino da Giardini (1914 + 1977)

21 SETTEMBRE 2020

Il mare visto da Renato Zero

1 OTTOBRE 2020

Coralli ed onde nel mare eoliano dall'antichità fino al viaggio dello Spallanzani

6 OTTOBRE 2020

Alla ricerca dei sapori perduti del mosto

15 OTTOBRE 2020

Le isole e il vento nella poesia di Bartolo Cattafi.

25 OTTOBRE 2020

I dimenticati. Le anime inquiete in cerca di Patria

3 NOVEMBRE 2020

Panarea, le riflessioni di Paul Thorel nell'amata isola

9 NOVEMBRE 2020

Cloe e la sua bambola di terracotta

28 FEBBRAIO 2021

Lipari, Nicola de Franco ed il suo schiavo nel 1491

2 APRILE 2021

Il mare in tempesta di Jean Epstein

20 APRILE 2021

Mitologia, Eolie e il grande Demis Roussos

16 giugno 2021

Licenze e Corsari

7 ottobre 2021

L'inferno degli Sterrati dell'isola di Vulcano (I figli di nessuno).

28 ottobre 2021

Eolie, Antoine de la Sale nel 1407

8 gennaio 2022

Stromboli, Edesio si "divideva" anche con Venezia

17 marzo 2022

 La signora Maria "la mia cara paesana..."

20 marzo 2022

Giacomo Carduini, il Vescolo di Lipari dal 1489 al 1506, e il sangue di San Gennaro

8 LUGLIO 2022

Lipari, Il "sacco" visto dal pittore Charles Fouqueray (1869 - 1956)

24 luglio 2022

I buoi di Houël nella natura selvaggia delle isole

2 AGOSTO 2022

Charles Gore e le isole nel settecento

29 SETTEMBRE 2022

Lipari, Maria e Giovanni un amore violato

13 OTTOBRE 2022

Vulcano, Ludovico Sicardi tra i fumaroli nel 1922

1 NOVEMBRE 2022

Eolie, Emile Chaix tra l'Etna e le Isole nel 1890

4 NOVEMBRE 2022

Via Paolo Fabbri 43” cantata da Francesco Guccini

14 NOVEMBRE 2022

William Henry Smith e le sue carte

19 NOVEMBRE 2022

Aerei e vulcani futuristi visti dal pittore Giulio D'Anna

30 NOVEMBRE 2022

Le visioni vulcaniche di Hans Falk

7 DICEMBRE 2022

Riccardo Fainardi e la veduta dello Stromboli in eruzione

17 DICEMBRE 2022

Stromboli, l'eruzione del 30 agosto 1842 del pittore Jean-Charles-Joseph Rémond

27 dicembre 2022

Willem Schellinks e le vedute vulcaniche

2 GENNAIO 2023

Panarea, Bruno Munari e il museo immaginario

11 GENNAIO 2023

Lipari, Giovanni Ansaldo e il breve confino

16 gennaio 2023

Eolie, e San Cristoforo

26 GENNAIO 2023

Stromboli, Mura e le 14 anime erranti

17 febbraio 2023

Lipari, Richard Duppa nel resoconto del suo viaggio del primo ottocento

18 aprile 2023

La pittrice di Alidudi

21 MAGGIO 2023

 Alla scoperta del vulcano.

4 GIUGNO 2023

Eolie, Michele Lojacono Pojero e alcuni aspetti delle isole

14 giugno 2023

Il palcoscenico dell'immaginario e il fuoco

30 GIUGNO 2023

Ibn Jubayr, il viaggiatore arabo-andaluso e la meraviglia dei vulcani

14 LUGLIO 2023

Eolie, George Sandys e il viaggio del 1610

2 AGOSTO 2023

Il marchese Marie Joseph de Foresta-Collongue e le Eolie nel 1805

22 agosto 2023

Eolie, Strabone il geografo...

29 AGOSTO 2023

Eolie, Denis-Dominique Farjasse e le osservazioni sul carattere degli abitanti degli anni trenta del 1800...

9 SETTEMBRE 2023

Jeannette Villepreux- Power, una donna straordinaria nella Sicilia del primo ottocento

18 SETTEMBRE 2023

Eolie, usi e costumi di fine ottocento

28 SETTEMBRE 2023

 Eolie, le giovani ragazze isolane viste dal conte Jan Michal de Borch

1 OTTOBRE 2023

Ruy Gonzalez de Clavijo nel viaggio per Samarcanda

13 OTTOBRE 2023

ESCLUSIVO. Autunno “83 tra il vulcano e la libertà. Il sequestro di Elena Luisi...

25 OTTOBRE 2023

 La scalata infuocata

31 OTTOBRE 2023

Leandro Alberti, il frate domenicano da conoscere

5 novembre 2023

Il vulcano visitato da Johann Georg Arnold Jacobi nel luglio del 1792

11 novembre 2023

John James e il viaggio da Boston alla Sicilia

19 novembre 2023

Vulcano, Gaston Vuillier: il gallo di Don Santo e la maledetta terra 

24 novembre 2023

Vulcano, nella pubblicazione partenopea del 1829

2 dicembre 2023

Il Vicerè di Sicilia duca di Uceda e i Liparesi armati

26 DICEMBRE 2023

Guy De Maupassant e i colori delle isole

6 GENNAIO 2024

Edmondo De Amicis e la sua amata Sicilia

14 GENNAIO 2024

Giorgio Roster tra scienza e fotografia

21 GENNAIO 2024

Karl Gotthard Grass tra Brolo e Vulcano

27  GENNAIO 2024

George Russell nel suo giro attraverso la Sicilia del 1815

3 FEBBRAIO 2024

Giuseppe Sciuti il pittore dei vulcani 

10 FEBBRAIO 2024

Stromboli, l'affondamento del sommergibile Pier Capponi il 31 marzo 1941.

17 FEBBRAIO 2024

Eolie, mercanti e corsari eoliani del 1400

25 FABBRAIO 2024

Ferdinando I° delle Due Sicilie e i suoi fidati Liparoti nella Reggia di Caserta. L'intervento da Napoli...

3 MARZO 2024

Blak William, il viaggiatore britannico nella fantasia dell'orizzonte invisibile

10 MARZO 2024

Viaggio nel 1579 dalla Sicilia a Madrid

19 MARZO 2024

Eolie, Edward Boid un viaggiatore inglese nel 1824 (prima parte)... 

22 marzo 2024

Edward Boid, un ufficiale di marina alla scoperta delle Isole (seconda parte) 

28 MARZO 2024

Aemilian Janitsch, l'austriaco che visita la Sicilia nel 1790

2 APRILE 2024

Mariano il giovane liparoto e lo spionaggio sulla frontiera del Mediterraneo nel XVI secolo

8 APRILE 2024

Gustav Parthey il tedesco che visita il Sud

16 APRILE 2024

Brian Hill nel tour del 1791...

conad2.jpg